LA VOCE DEL NISSENO – Copertina terza edizione 2014

COPERTINA

DARE DIGNITA’ AL NISSENO

L’EDITORIALE/1. Un territorio ostacolato dalla carenza di infrastrutture. Tasso di disoccupazione piuttosto alto e ripresa dell’emigrazione. Ci vuole coraggio per rialzarsi

Michele Bruccheri

Michele Bruccheri

Un encefalogramma piatto, ormai. La nostra provincia nissena non gode di buone salute. Lo stato dell’economia è disastroso, rimane nelle retrovie delle statistiche. Caltanissetta è la penultima, in Sicilia. Peggio di lei, fa soltanto Enna. I settori che incidono meglio sono principalmente commercio, trasporti, servizi alle imprese e alle famiglie. Si sfiora il 70%. Il settore più debole è quello dell’agricoltura che lambisce appena il 5%. Un territorio, il Nisseno, scarsamente propenso ad investire nei settori produttivi più importanti. Da quello agricolo a quello turistico.
Un territorio, va detto, ostacolato notevolmente dalla cronica carenza infrastrutturale. Ma non bisogna girarsi ancora i pollici. La classe dirigente di questa provincia si dia da fare, alacremente e rapidamente. Nella graduatoria nazionale, la provincia di Caltanissetta occupa gli ultimi posti in merito al Pil pro capite. E il tasso di disoccupazione risulta essere elevato. Si supera il 30%. Tra i 15 e i 65 anni d’età, una persona su tre risulta essere senza lavoro. Un vile schiaffo alla dignità, un sonoro ceffone alla speranza. Progetti di vita che naufragano, autostima dei giovani mortificata, aspettative deluse. I lavoratori, scoraggiati e impotenti, si ritirano dal mercato del lavoro. E riprende l’emigrazione.
Le istituzioni del territorio siano finalmente un faro luminoso che getta luce. Scuotano le coscienze, diano risposte concrete ai numerosi e drammatici casi di povertà, di degrado e disagio sociale.
Il peccato sociale più diffuso e subdolo è, ormai e senza ombra di smentita, quello dell’indifferenza. A partire soprattutto dalle istituzioni. Si collabori intelligentemente e generosamente, invece. Si consenta a questo lembo di territorio di rialzarsi. E’ terminato il tempo dello sdegno e dell’indignazione. E’ giunto il momento della speranza e del coraggio. Da parte di tutti, ma principalmente da parte di chi ha un ruolo istituzionale. Si onori seriamente il compito che si ha nella società. Si dia dignità al Nisseno, troppe volte calpestato e ignorato.

MICHELE BRUCCHERI

LA NAZIONALE RITRATTO DI UNA NAZIONE?

L’EDITORIALE/2.  Pasquale Petix: Le diverse età della vita sono tutte valide e vanno valorizzate

Pasquale Petix

Pasquale Petix

Attacco inconsistente, centrocampo leziosamente inconcludente, difesa sbadata e incapace di bloccare i pericoli che piovono dall’alto. Si può sintetizzare così il fallimento della Nazionale italiana ai mondiali brasiliani. Ma era stato così anche in Sud Africa. Un’Italia “depressa e deprimente”, lenta e senza strategia. C’è comunque una pesante differenza tra la disfatta sudafricana e quella brasiliana: ai mondiali del 2010 furono mandati giocatori stracotti e senza motivazione, avevano vinto già abbastanza.
Nel 2014 la Nazionale è stata svecchiata, il ricambio generazionale invocato c’è stato, ma non è servito a nulla. Ennesima prova che la biologia non è tutto: talvolta i giovani possono risultare più vecchi di quanto non dimostri la loro età biologica.
Questo non significa che i “vecchi” devono restare sempre al loro posto e che il ricambio generazionale non sia necessario. Si vuole semplicemente dire che l’età va abbinata con la mentalità, la motivazione, la passione.
Così come non si può usare l’alibi della “scarsa esperienza” per bloccare i giovani, allo stesso modo non si può scadere nell’ideologia del “giovanilismo” a tutti i costi. Le diverse età della vita sono tutte valide e vanno valorizzate. La solidarietà intergenerazionale va riscoperta e perseguita concretamente. Rappresenta un mix che può favorire il rilancio di un Paese che non merita tanta inconsistenza. Un Paese che appare stanco, sfiduciato, litigioso, senza convinzioni forti.
Un quadro, questo, che sembra essere lo specchio dello “spogliatoio” della Nazionale durante l’intervallo della partita persa con l’Uruguay. Ma lo stesso scenario si trova se si va a guardare dentro altre realtà: si veda ciò che accade in molti Comuni e in molti ambienti di lavoro.
Il tempo che si perde, per tentare di sanare i contrasti interni, spesso tanto confusi quanto pretestuosi perché nascondono interessi personali, fa alla fine perdere di vista gli obiettivi d’interesse generale che occorre perseguire. E tutto diventa fangoso e incomprensibile, il che genera nuova sfiducia e allontana le persone (giovani e meno giovani) che avrebbero qualcosa d’interessante da proporre, ma non essendo predisposti a sopportare le risse continue e le prepotenze stanno ai margini del contesto. Ecco perché alla fine della storia la moneta cattiva scaccia quella buona.

PASQUALE PETIX

SOMMATINO, AI NASTRI DI PARTENZA LA SECONDA EDIZIONE DEL FESTIVAL DEL SOCIO DELLA BANCA DEL NISSENO

Il presidente Giuseppe Di Forti: al servizio dei Soci e del Territorio. Tre serate ricche di momenti. Musica, danza e cabaret. Tra gli altri, esibizioni di Giovanni Cacioppo di Zelig e  del noto duo palermitano Toti e Totino

Il presidente Giuseppe Di Forti al Festival del Socio 2013

Il presidente Giuseppe Di Forti al Festival del Socio 2013

Ai nastri di partenza la seconda edizione del Festival del Socio “Fiera dell’economia locale” promossa  e organizzata dalla Banca del Nisseno. L’atteso appuntamento annuale si svolgerà a Sommatino nelle serate del 7, 8 e 9 agosto prossimi nell’area del Parco Urbano. Un palinsesto dovizioso e interessante di iniziative varato dall’istituto bancario, con il patrocinio del Comune e della Pro Loco.
“Sarà una splendida occasione per celebrare l’esperienza dell’anno sociale con la consegna delle borse di studio, la valutazione delle iniziative e la presentazione dei nuovi progetti, in particolare nel corso della serata conclusiva – spiega il presidente Giuseppe Di Forti -. La Banca del Nisseno è da sempre al servizio dei Soci e del Territorio. Questa iniziativa è aperta alla collettività ed è pensata proprio per incentivare l’economia locale, le imprese e il commercio offrendo un’opportunità concreta a tutti quei Clienti titolari di imprese, associazioni e partite iva che vorranno esporre gratuitamente negli stand”.
“Le tre serate di fiera, con le esposizioni di prodotti tipici, servizi e degustazioni varie – conclude il presidente -, saranno arricchite dalla presenza di artisti e ospiti speciali che le animeranno con i loro spettacoli, dando vita a indimenticabili momenti conviviali da condividere nel segno dell’amicizia, dell’unione e della coesione”.
Ma ecco nel dettaglio il programma della seconda edizione della fortunata ricorrenza annuale curata dalla Banca del Nisseno. Giovedì 7 agosto, alle ore 19.30, avverrà l’inaugurazione del Festival del Socio. Si esibirà la banda musicale “Santa Cecilia”. Dalle 20.30 alle 21 è previsto il saluto istituzionale da parte del presidente Di Forti e del direttore generale Michele Augello. Immediatamente dopo, concerto del gruppo Merce Fresca e alle 22.30 esibizione di cabaret del noto attore di Zelig, Giovanni Cacioppo, assieme al duo Serio Sisters. Per venerdì 8 agosto, alle ore 10 si terrà il concorso di pittura estemporanea presso il centro storico. Nel pomeriggio, alle 19.30, esibizione della scuola di danza di Rita Conte e mezz’ora dopo il concerto di Francesco Nicolosi. Alle 21.30 l’esibizione della Full Dance Academy. Alle 22.30 lo spettacolo dell’illusionista Cyrus seguito dal comico Roberto Lipari e dal dj set di Luca De Paoli. Poco prima della kermesse, la premiazione del concorso di pittura.
Sabato 9 agosto (ore 19.30) vi sarà il consueto momento istituzionale della Banca del Nisseno e la consegna delle borse di studio. Alle ore 20.30 esibizione della scuola di danza di Rosanna Di Giorgi. Poi, concerto dei Trifase e alle 22.30 – ciliegina sulla torta – lo spettacolo esilarante del duo di cabaret Toti e Totino. Risate e allegria assicurate al pubblico delle grandi occasioni.

MICHELE BRUCCHERI

INIZIATIVA PITTORICA PROMOSSA DALLA BANCA DEL NISSENO SUL TEMA: “SCORCIO DI SOMMATINO DI IERI E DI OGGI, TRA STORIA E CULTURA, GUARDANDO AL FUTURO”

La Torre Civica di Sommatino

La Torre Civica di Sommatino

Nell’ambito del secondo “Festival del Socio – Fiera dell’economia locale” della Banca del Nisseno, che si terrà a Sommatino, è organizzato un interessante concorso regionale di pittura estemporanea (venerdì 8 agosto). Con il patrocinio del Comune e con la collaborazione del Museo Etnografico e del Club Artistico Nisseno “Michele Tripisciano” i partecipanti dovranno attenersi al seguente tema: “Scorcio di Sommatino di ieri e di oggi, tra storia e cultura, guardando al futuro”.
Al primo classificato verrà consegnato un assegno di ben 500 euro, al secondo di 300 euro, mentre al terzo e al quarto rispettivamente di 200 euro e 100 euro. A tutti verrà rilasciato un attestato di partecipazione, però ai classificati dal quinto al settimo posto verrà elargita anche una targa-ricordo.
E’ stato varato, frattanto, un apposito regolamento. Le iscrizioni dovranno avvenire entro e non oltre il 6 agosto all’indirizzo: estemporaneabancadelnisseno@gmail.com e per eventuali informazioni si potrà contattare Santo Gianfurcaro al numero 338.7566304. Le tele avranno le dimensioni 50×70 centimetri. Si potrà utilizzare qualsiasi tecnica pittorica.

Il materiale per la realizzazione dell’opera sarà a carico del partecipante e la postazione fissa si troverà in corso Umberto, nei pressi dell’agenzia “Santa Rita” della Banca del Nisseno, e in piazza Chinnici.
Una giuria qualificata valuterà le singole opere e la cerimonia di premiazione avverrà nel corso dello spettacolo della sera dell’8 agosto che si terrà nell’area del Parco Urbano “Falcone-Borsellino” (esattamente nel parcheggio Padre Pio).
Tutte le opere realizzate resteranno esposte nel piazzale antistante il Museo Antropologico di Sommatino dalle ore 19 alle 21 dell’8 agosto, fotografate e successivamente pubblicate sul sito promozionale della Banca del Nisseno www.bancadelnissenonews.it e sul sito istituzionale del Comune (www.comune.sommatino.cl.it). Un’iniziativa lodevole e preziosa, di notevole interesse.

MICHELE BRUCCHERI