quattro decessi
I simboli dell'emergenza sanitaria

Coronavirus nel Nisseno: ci sono 15 nuovi casi positivi e 14 guariti nelle ultime 24 ore. I dati sono stati appena diramati dall’Asp di Caltanissetta.

Le quindici nuove infezioni sono distribuite così: cinque a Gela, quattro a Riesi, due a Caltanissetta, due a Delia, una a Sommatino e una a Niscemi.

Per quanto concerne invece le nuove guarigioni, ecco la distribuzione territoriale: cinque pazienti di Riesi, quattro di San Cataldo, due del capoluogo nisseno e con un guarito ciascuno Serradifalco, Gela e Niscemi.

Coronavirus nel Nisseno: ci sono 15 nuovi casi positivi e – come già anticipato – 14 guariti, secondo il report dell’Asp di Caltanissetta.

Attualmente, quindi, le infezioni in provincia sono 511. Di questi, 27 sono pazienti ricoverati in degenza ordinaria (Malattie infettive) – di cui un paziente sempre fuori dal Nisseno – e una persona si trova ancora in Terapia intensiva.

Ecco i numeri del contagio, comune per comune, aggiornati a poco fa – ovviamente sulla scorta delle cifre fornite ufficialmente dall’Asp nissena.

Coronavirus nel Nisseno: ci sono 15 nuovi casi positivi
Reparto ospedaliero

Ad Acquaviva Platani, i casi positivi sono 17 (un paziente è in Malattie infettive); a Butera 19, a Campofranco 14 (un paziente è in Malattie infettive), a Caltanissetta 67 (quattro i ricoveri in Malattie infettive), a Delia 7, a Gela 87 (sei in Malattie infettive), a Mazzarino 2, a Mussomeli 79 (due in Malattie infettive), a Niscemi 89, a Resuttano 2.

Ed ancora: a Riesi 61 (sette in Malattie infettive), a San Cataldo 29 (un paziente in Terapia intensiva e due pazienti in Malattie infettive), a Santa Caterina Villarmosa 6, a Serradifalco 6 (un paziente è ricoverato fuori provincia), a Sutera 2, a Vallelunga Pratameno 1 e a Villalba 22 (quattro in Malattie infettive).

Questi sono, quindi, i numeri del contagio in provincia di Caltanissetta, appena aggiornati. Proseguono frattanto le varie campagne vaccinali per le terze dosi e per raggiungere chi ancora non ne ha fatta nessuna. Con l’arma efficace del vaccino si può contrastare meglio questa maledetta epidemia.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: DEBORA CAPRIOGLIO: «HO SANGUE SICILIANO NELLE VENE»

DATA SHEET INTERATTIVO
(Si Possono scaricare i dati)