Marzia Carocci
Marzia Carocci

Prestigioso e importante concorso artistico e letterario il Premio di Letteratura “Ponte Vecchio” ideato dalla dinamica Marzia Carocci. E lei, punto di riferimento dell’associazione culturale “Autori e Amici di Marzia Carocci”, in unione con il magazine online “Deliri Progressivi”, insieme sinergicamente, indicono la settima edizione.

Un concorso nazionale e di notevole spessore. È articolato nelle seguenti sezioni: poesia in italiano a tema libero, poesia in metrica, racconto breve in italiano a tema libero e racconto fantasy, giallo, noir. Il regolamento prevede che i testi presentati al concorso non dovranno aver ottenuto un riconoscimento da podio – primo, secondo e terzo premio – in un precedente concorso letterario.

Per la sezione poesia in italiano a tema libero si potrà partecipare con un massimo di tre liriche, rigorosamente non superiori ai 30 versi ciascuna. Analogamente per la sezione poesia in metrica.

Per la sezione racconto breve in italiano a tema libero si potrà partecipare con un solo racconto che rientri nella lunghezza massima di quattro cartelle (1800 battute, spazi inclusi a cartella per un totale di 7200 battute – spazi compresi). Per la sezione racconto breve, fantasy o giallo, si potrà partecipare seguendo le stesse indicazioni per il racconto breve (in italiano a tema libero).

Marzia Carocci, al microfono de La Voce del Nisseno (versione online), spiega: “Per la corretta partecipazione, è richiesto di inviare entro e non oltre il 20 marzo 2022 solo in forma digitale (in formato Word) all’indirizzo internet premiopontevecchio@gmail.com i propri testi anonimi, corredati della scheda di partecipazione compilata in ogni sua parte e la ricevuta del pagamento effettuato. È prevista un’antologia del premio dove verranno pubblicati i vincitori e i meritevoli alla pubblicazione”.

“Il pagamento sarà di euro 10 per i soci di Autori e amici di Marzia Carocci ed euro 15 per gli altri partecipanti – continua Marzia Carocci –. La quota dovrà avvenire con questa modalità:

(intestato a Marzia Carocci) IBAN: IT53H3608105138212468912470”.

“La ricevuta del pagamento dovrà essere inviata sempre insieme ai propri testi e al modulo di partecipazione – sottolinea -. Non verranno accettate opere che presentino elementi razzisti, denigratori, pornografici, blasfemi o d’incitamento all’odio, alla violenza e alla discriminazione di ciascun tipo, oltre che ai plagi”.

Marzia Carocci
Marzia Carocci

La Commissione di giuria è composta da poeti, scrittori, critici, giornalisti ed esponenti del panorama culturale e letterario. Ecco i loro nomi: Sergio Camellini, Andrea Gelici, Lucia Lascialfari, Flora Gelli, Daniele Berto, Luciano Domenighini, Enrico Zoi, Antonietta Risolo, Sandra Carresi, Iacopo Chiostri, Fabio Fratini.

Presidente del Premio è Marzia Carocci, presidente di Giuria è invece Annamaria Pecoraro. Verranno premiati i primi tre vincitori per ciascuna sezione. I premi per ciascuna sezione consisteranno in “primo premio: targa, diploma con motivazione della giuria e pubblicazione di 50 copie gratuite con la Casa editrice A&A Marzia Carocci; secondo premio: coppa/targa diploma con motivazione della giuria e libri + tesseramento per un anno con l’Associazione Culturale Artisti A&A di Marzia Carocci; terzo premio: targa, diploma con motivazione della giuria e libri. Seguiranno premi di merito e segnalazioni a chi si distinguerà con voti più che sufficienti”.

Sarà inoltre istituito come ogni anno il Premio alla Carriera. Quest’anno sarà conferito all’artista Alessandro Benvenuti (attore, cabarettista, commediografo, regista, sceneggiatore, musicista e scrittore). La Giuria procederà inoltre a nominare delle Menzioni d’Onore, delle Segnalazioni e dei Premi Speciali come ulteriori riconoscimenti ad altrettanti scrittori delle sezioni.

La Giuria si riserva di non assegnare i tre premi consecutivi per le sezioni che non avranno avuto una soddisfacente partecipazione quantitativa, predisponendo laddove se ne ravvisi la necessità all’attribuzione di Menzioni d’Onore o Segnalazioni. Questa una norma del regolamento.

Ed ancora: “I vincitori sono tenuti a presenziare alla cerimonia di premiazione per ritirare il premio. L’eventuale invio al proprio domicilio, a carico del destinatario, va concordato preventivamente, pena perdita del privilegio. In caso di impossibilità, la targa/coppa e il diploma potranno essere spediti a casa dietro pagamento delle spese di spedizione, mentre i premi in denaro non verranno consegnati e saranno incamerati dagli enti organizzatori per future edizioni del Premio”.

Tutti i testi dei vincitori, dei selezionati e dei menzionati a vario titolo saranno pubblicati nel volume antologico che sarà presentato nel corso della premiazione.

La cerimonia di premiazione si terrà a Firenze nel mese di settembre 2022 in località da definire. A tutti i partecipanti verranno fornite con ampio preavviso tutte le indicazioni circa la premiazione.

La partecipazione al concorso implica l’accettazione di tutti gli articoli che compongono il bando, che qui abbiamo riassunto. “Il partecipante acconsente all’autorizzazione al trattamento dei dati personali; si garantisce che questi saranno utilizzati esclusivamente ai fini del concorso e nell’ambito delle iniziative promosse dall’Associazione Autori e Amici di Marzia Carocci per la legge 675 del 31/12/96 e D.L. 196/03. Gli autori, per il fatto stesso di partecipare al presente concorso, autorizzano a pubblicare le proprie opere sull’antologia, rinunciando, già dal momento in cui partecipano al concorso, a qualsiasi pretesa economica o di natura giuridica in ordine ai diritti d’autore, ma conservano la paternità delle proprie opere”.

Gli organizzatori, infine, evidenziano: “La partecipazione al Premio è da ritenersi valida per i concorrenti che abbiano raggiunto la maggiore età al momento dell’iscrizione o per i giovani dai 14 ai 18 (con l’autorizzazione di un genitore in caso di autore minorenne)”.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: TANIA ZAMPARO: “SE DOVESSI VIVERE AL SUD, VIVREI IN SICILIA”

NATHALIE CALDONAZZO: «DOBBIAMO GUARDARE AVANTI ED EVITARE GLI SBAGLI»