I casi positivi da Covid-19 sono 776
Materiale sanitario

Ventiquattro guarigioni e ventisei nuove infezioni in provincia di Caltanissetta. È questo il bilancio del contagio di ieri, certificato dall’Asp nissena. Snoccioliamo, dunque, i numeri.

Ventiquattro guarigioni dal Covid-19: sono sei pazienti di Niscemi, quattro di Riesi, quattro del capoluogo nisseno, tre di Gela, due di Mussomeli, due di San Cataldo, due di Acquaviva Platani e uno di Santa Caterina Villarmosa.

Adesso entriamo nel dettaglio per quanto attiene i nuovi contagi. Ci sono ventisei nuovi casi positivi, nelle ultime 24 ore, secondo il report. Così distribuiti, territorialmente: sette pazienti sono di Caltanissetta, cinque di Niscemi, cinque di Mussomeli, tre di Riesi, tre di Gela, due di Butera, uno di San Cataldo.

È stato ricoverato in degenza ordinaria un paziente di Mussomeli. In base ai nuovi numeri del contagio, la situazione attualmente – nel Nisseno – è questa: 509 infezioni, in tutto; di questi, 27 sono pazienti ricoverati in Malattie infettive (uno è fuori provincia) e un paziente è in Terapia intensiva.

Comune per comune, aggiorniamo la situazione epidemiologica del Nisseno sulla scorta degli ultimi dati diffusi ieri.

Ventiquattro guarigioni
Operatrici sanitarie

Ad Acquaviva Platani, i casi positivi sono 17 (un paziente è in Malattie infettive); a Butera 19, a Campofranco 14 (un paziente è in Malattie infettive), a Caltanissetta 67 (quattro i ricoveri in Malattie infettive), a Delia 5, a Gela 83 (sei in Malattie infettive), a Mazzarino 2 (uno in Malattie infettive), a Mussomeli 79 (due in Malattie infettive), a Niscemi 88, a Resuttano 2.

A Riesi 63 (sette in Malattie infettive), a San Cataldo 33 (un paziente in Terapia intensiva e due pazienti in Malattie infettive), a Santa Caterina Villarmosa 6, a Serradifalco 7 (un paziente è ricoverato fuori provincia), a Sutera 2, a Vallelunga Pratameno 1 e a Villalba 22 (quattro in Malattie infettive).

Ventiquattro guarigioni e ventisei nuovi casi positivi nel Nisseno: è questo il “succo” del report. Bisogna stare sempre attenti, non allentare l’attenzione. Il virus circola. La nuova campagna vaccinale darà certamente una mano se l’adesione sarà massiccia.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: QUANDO UNA FOTOGRAFIA «RACCONTA» UN INCONTRO SPECIALE