situazione epidemiologica
Il sindaco Leonardo Burgio

Quasi certamente giovedì 24 giugno, di mattina, ci sarà la somministrazione delle seconde dosi del vaccino. Saranno interessati trecento utenti che hanno ricevuto la prima dose lo scorso 13 maggio, in occasione della prima vaccinazione a Serradifalco.

Verrà inaugurato un ambulatorio vaccinale presso la scuola media. Domani ci sarà un sopralluogo dei tecnici dell’Asp di Caltanissetta per esprimere il proprio parere, verosimilmente favorevole. E Serradifalco sarà, dunque, il primo comune della provincia a dotarsi di struttura locale per la vaccinazione che, presumibilmente, avrà cadenza settimanale.

Tra l’altro, c’è anche uno spazio esterno che rimane all’ombra e potrà essere comodo per coloro che dovranno effettuare la vaccinazione. Un vero e concreto vantaggio per la popolazione serradifalchese. E il sindaco Leonardo Burgio è soddisfatto per questo importante risultato, ottenuto grazie alla collaborazione con alcune figure dell’Asp nissena.

Tuttavia, si toglie qualche sassolino dalla scarpa e attacca chi “ci ha buttato fuori dal poliambulatorio di via Sferrazza”. Un attacco duro. E arrabbiato, spiega: “Manca stavolta l’aiuto istituzionale”. Evidenzia che è stato costretto a combattere contro la burocrazia. Si riferisce quasi certamente a chi ha responsabilità della struttura comunale “Giuseppe Butera”.

“Ci hanno messo alla porta – tuona furibondo -, ma io non mando anziani e persone fragili a Caltanissetta per il vaccino. Soprattutto in questo periodo, dove il caldo è pericoloso per taluni soggetti”. Annuncia che ha scritto al direttore generale Alessandro Caltagirone per lamentarsi per questo increscioso “incidente diplomatico”.

Ripetiamo: giovedì 24 giugno (manca la conferma ufficiale), chi ha effettuato la vaccinazione a Serradifalco lo scorso 13 maggio potrà ricevere la seconda dose presso l’hub vaccinale che verrà inaugurato all’interno della scuola media.  Nel pomeriggio del 24, poi, si aprirà la vaccinazione agli over 30. Senza prenotazione.

24 giugno
La scuola media di Serradifalco

“Nostro obiettivo è vaccinare il più possibile e nel giro di poco tempo raggiungeremo una percentuale alta”, aggiunge Burgio. “È un’opportunità unica”, rimarca. I richiami vanno effettuati entro i 42 giorni dall’inoculazione del vaccino e il 24 giugno è la data ultima per farlo. E si farà, promette.

Per coloro invece che hanno fatto il vaccino, prima dose, nella seconda giornata serradifalchese del 28 maggio, entro il 9 luglio (scadenza dei 42 giorni) si farà il richiamo per gli altri trecento cittadini che avevano ricevuto l’iniezione del vaccino.

Parla anche delle novità introdotte dalla ditta che gestisce il servizio di nettezza urbana. Prossimamente verranno forniti tutti i dettagli. “Bisogna avere pazienza”, dichiara. Spiega che sono legittime le modifiche che si stanno apportando da parte della nuova ditta e che sono in corso dei lavori per migliorare il servizio.

Infine, dà questa cifra: 73%. In cinque mesi, si registra un ulteriore miglioramento in merito alla raccolta differenziata (+7%). Un risultato brillante per tutti.

MICHELE BRUCCHERI  

 

LEGGI ANCHE:  CORONAVIRUS A SERRADIFALCO, INOCULATI TRECENTO VACCINI NELL’OPEN DAY