sacerdote della carità
La copertina del libro

“Sacerdote della carità senza frontiere”: un libro che dà “voce” alla mente e al cuore di padre Filippo Bonasera. Raccoglie scritti e testimonianze della lunga attività pastorale del prete scomparso il primo maggio dell’anno scorso, all’età di 71 anni.

Il libro, “scritto” da padre Filippo Bonasera, è curato da Giuseppa Palumbo. Introduce la prestigiosa presentazione, il vescovo della diocesi di Caltanissetta: Mario Russotto (ed è pubblicato da Paruzzo Editore).

Sacerdote della carità, veramente. Una vita spesa al servizio dell’evangelizzazione e nel sostegno degli ultimi, dei bisognosi. Il libro contiene ben 500 pagine ed è arricchito da fotografie. Mille copie per far conoscere di più e meglio il pensiero di questo meraviglioso sacerdote. Ha un prezzo di copertina di 18 euro. A sostenere le spese l’associazione sociale “San Domenico Savio”, attualmente presieduta da padre Salvatore Randazzo e costituita da sette membri.

Con la vendita del libro si contribuirà a far conoscere la missione umana e pastorale di padre Filippo Bonasera. Raggiunta la somma, per coprire le inevitabili spese di stampa, il ricavato andrà tutto alle due farmacie del paese per acquistare farmaci in favore dei poveri, una delle attività già portate avanti dallo stesso sacerdote.

Un’iniziativa lodevole e significativa. Tutto il ricavato, dunque, in beneficenza, per aiutare i bisognosi. Dare una mano concretamente, come meglio si può. Il libro sarà disponibile già da domani presso l’edicola di Leonardo Rizzo, in via Alcide De Gasperi e presso l’oratorio parrocchiale “Chiara Luce Badano”. Punto di riferimento sarà il sacerdote Salvatore Randazzo. Gli interessati potranno contattarlo.

“Questa pubblicazione – si legge nella quarta di copertina che La Voce del Nisseno ha letto in anteprima – delinea la figura di padre Filippo Bonasera, pastore e parroco, attraverso i suoi scritti di carattere spirituale: predicazione di esercizi, quarantore, omelie, incontri, ritiri, relazioni sulle esperienze pastorali e culturali realizzate all’estero come Direttore Regionale Migrantes”.

sacerdote della carità
La copertina del libro

Questo volume, ricco del pensiero di padre Filippo Bonasera, riporta sostanzialmente l’attività evangelizzatrice all’interno della “Parrocchia del Carmelo (dal 1979 al 1995) e dell’Immacolata Concezione cui la prima venne accorpata, fino al 2010, anno in cui rimase come Rettore nella sua prima sede – continua la nota nella quarta di copertina -. Tratta dell’associazione sociale ‘San Domenico Savio’, fondata da lui nel 1990, che si occupa di disabili, anziani e immigrati”.

“Completa la trattazione una serie di testimonianze – conclude –, di vario genere, di chi ha lavorato con lui e conserva nel cuore la sua memoria di padre e di fratello”. Padre Filippo Bonasera, nativo di Santa Caterina Villarmosa, entrò in seminario all’età di 13 anni, nel 1962. Fu ordinato presbitero il 30 giugno 1976.

Il 18 febbraio 1979 venne nominato parroco a Serradifalco. Fu per tanti anni Direttore Regionale della Migrantes.

MICHELE BRUCCHERI  

LEGGI ANCHE: PADRE FILIPPO BONASERA, UN ANNO SENZA DI TE

PADRE FILIPPO BONASERA: L’ULTIMO ABBRACCIO DI SERRADIFALCO E SANTA CATERINA VILLARMOSA