pagano
Panoramica di San Cataldo

Gioacchino Comparato (centrosinistra) e Claudio Vassallo al ballottaggio di domenica 24 ottobre, dopo l’esito elettorale di ieri. Uno dei due candidati, dunque, sarà eletto sindaco di San Cataldo. Come abbiamo già riferito tramite altri articoli.

pagano
Gioacchino Comparato

Fioccano i commenti e, tra questi, ecco quello dell’avvocato Comparato: “2.825 volte Grazie! Grazie San Cataldo. Grazie per la fiducia che avete riposto nel nostro programma, nella nostra coalizione e nella mia persona. Stiamo dimostrando che la nostra Comunità può e deve ripartire”.

Ed ancora: “Questo non è che un primo traguardo raggiunto, un bel traguardo, che ci impone di continuare a fare sempre di più, a lavorare a testa bassa con tutte le nostre forze. Ancora Insieme. Il 24 ottobre, San Cataldo tornerà di nuovo a votare per il ballottaggio, per scegliere, così, il prossimo Sindaco e la prossima Amministrazione che guiderà la nostra città”.

Conclude: “E noi vogliamo continuare a confrontarci per la nostra città, in sinergia, prima di tutto, con le idee. Siamo consapevoli che abbiamo davanti tantissimo da fare per il futuro della nostra Comunità. Per San Cataldo e per tutti i Sancataldesi, per i nostri bambini, per i giovani, i più adulti e i nostri nonni. Noi ci siamo. Ripartiamo adesso”.

pagano
Claudio Vassallo e l’onorevole Pagano

Interviene anche il parlamentare nazionale della Lega, nonché sancataldese, Alessandro Pagano: “Claudio Vassallo è al ballottaggio. Sono molto contento dell’umanità, del buon senso, della positività e della competenza di questa stimatissima persona. Ma soprattutto sono molto contento della nostra amicizia, nata grazie alla politica e all’Amore verso la nostra Città; adesso che il primo raccolto è stato fatto, cominciamo subito a seminare per mietere il secondo e definitivo raccolto”.

Pagano conclude con queste parole: “Vassallo merita di diventare sindaco di San Cataldo e San Cataldo merita di rinascere. La lista Lega all’11%, primo partito della coalizione”.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: NINO FRASSICA: “BISOGNA FARE LA GAVETTA, DALLA RECITA PARROCCHIALE IN POI”

DEBORA CAPRIOGLIO: «HO SANGUE SICILIANO NELLE VENE»