CULTURA. Insegna materie tecnico-scientifiche a Legnano (Milano). Ha in cantiere un romanzo con tre donne protagoniste. Ama Serradifalco

Annusare l’odore della carta stampata: una delizia! Tuffarsi nella parola scritta, essendo un lettore onnivoro: un’estasi inenarrabile! Salvatore Minnella, dall’eloquio fluente e profondo, è uno scrittore brillante e un poeta di rara maestria. Sposato e padre di due figli, il 60enne docente serradifalchese insegna materie tecnico-scientifiche in una scuola superiore a Legnano (Mi). Da ben 40 anni.

È un libero professionista con la passione divorante per la lingua italiana, che studia e viviseziona dal libro per antonomasia: il dizionario. E già in tenera età si dedica alla scrittura di belle liriche e tramite il suo “inchiostro” rende storiche ed eterne le sue più intime emozioni.

 

Salvatore Minnella
Salvatore Minnella

I suoi versi, in passato, sono stati musicati dall’Agruppo, una formazione canoro-musicale di notevole spessore. Le poesie in vernacolo nascono su insistente sollecitazione del fratello, Peppe, anche lui un artista poliedrico e di insuperabile bravura.

Ma per Salvatore Minnella, la poesia in italiano è di inestimabile bellezza. E il cronista che lo incalza per sapere di più, apprende – ad esempio – che ama la capacità introspettiva di Marcel Proust e di Luigi Pirandello, la capacità di sintesi e di essenzialità dell’impegno civile del grande Leonardo Sciascia, la levità leggera di Stendhal e la geniale capacità d’inventare una lingua come Carlo Emilio Gadda e Andrea Camilleri. Sostanzialmente, questi sono i “pilastri” di riferimento del famelico Minnella.

Ha, inoltre, elaborato un dizionario serradifalchese con più di 150 lemmi. Ne descrive l’etimologia e varie curiosità, con scrittura briosa e puntuale. Di raro pregio è stata la proiezione del documentario Lu surfararu musicato dal duo Minnella-Cammarata e presentato al Teatro Bauffremont di Caltanissetta. La scheggia filmica di Luca Vullo, dallo zolfo al carbone, ha avuto un enorme successo.

Minnella vanta una buona produzione poetica. Un centinaio di liriche. E poi racconti ed aforismi. Di buona lena, nei ritagli di tempo libero sta scrivendo un romanzo di ambientazione storica su una saga familiare.

Top secret sui dettagli. Qualcosa riusciamo a sapere, però. C’è un titolo probabile: “Giulia”. Tre donne sono le protagoniste. Racconta della forza della donna nel lontano 1860… Certamente un libro di notevole fascino narrativo che attendiamo pazientemente.

Nel suo pregevole curriculum anche una prestigiosa collaborazione triennale con il mensile “Il Meridionale Italiano”, come corrispondente per la Lombardia. Un periodico di Salerno di orientamento politico. E diversi furono i suoi articoli coraggiosi e scomodi, scritti sempre per informare e per denunciare le disfunzioni della democrazia.

Adora Serradifalco. Quando è libero, ritorna ad abbracciare i suoi affetti più cari e a respirare l’aria del Sud che ama.

MICHELE BRUCCHERI

 

 

 

POESIA DIALETTALE DI SALVATORE MINNELLA

 

I personaggi che l’autore ha inteso tratteggiare, “mimi” direbbe lo scrittore Lanza, vengono qui riproposti alla memoria di quanti li conobbero e rispettarono con i loro veri nomi, cognomi e nomignoli, non per dileggiarli o deriderli ma, con tutto l’affetto e la semplicità con i quali l’autore e, sono sicuro i serradifalchesi tutti, amano ancora ricordarli.

 

Lu castijddru finì, ma la tampa arristà;

li luminarii ancora addrumati fannu ora lustru

‘ncapu li barracchi scunsati, mentri lu ciciraru

ammutta la carritteddra a banna d’intra.

Sa Lunardu, stancu e abbilutu, ora s’arriposa.

Stefanu Stigliola midè: doppu ca s’ha sgulatu

‘na cinquantina di carameli di meli (a voglia

di gridari “carameli e bomboloni, carameeeeli…!”)

Lu ‘zzi Pijtru, eleganti e fijru comu ‘un

senaturi rumanu, sta cantannu comu ‘na

vota si vinnja lu vilenu pi li piducchi

‘nsignannu li piducchi a manciarisilli…

Panzarinu, ittatu ‘nterra a facci a buccuni

finì ca iavi picca di vattiari a tutti (”Racchiuso

e cornuto Tizio, racchiuso e cornuto Ciao…”)

e ora arrunculia suddispattu.

Aggrappatu a un muru cripatu comu un

granciu, un tiru abbista ‘na grasta

e muzzica balisicò; ‘na giurana lu talia.

Arrassu arrassu, timitu e sulitariu, Nardu

Ricotta cu la bunaca di travijrsu s’arrunchia

li spaddruzzi e, cu ‘na sporta ‘mmanu,

zuppichiannu s’arricampa a la grutticeddra sò.

Di la so putia la ma cataziana Rosa la Pinta,

allampatazza, jetta fori l’urtimu vivutizzu

ca, varchiannu varchiannu, ‘nni la matinati

arriva si e no a ‘mpilari la chiavi ‘nni la toppa

di lu so dammusijddru.

A lu ‘zzi Peppi Marsala e a la so sciccareddra

Ammaistrata stasira ‘cci tocca la putia di Lovecchiu

accussì c’amminchià stasera a la scecca, ca

s’assiddriì iddra la putia…

A la Piscaria, un cani dispiratu nun havi

comu aggrampari l’ussu ‘cchiù duru ca lu

‘zzi Miluzzu avia jttatu ‘nni la vaneddra.

Lu ‘zzi Santu Pisciazza, strascicannu vrazza

e pijdi a la so manera bastimia sdilliniatu

(”sopiddra cu ‘ccu ‘cci l’havi”) e finarmenti

agghica a la so casa.

SALVATORE MINNELLA

LEGGI ANCHE: SERRADIFALCO, “LI FICUDINIA” IN CONCERTO IN GERMANIA