di MICHELE BRUCCHERI – ECCELLENZE IMPRENDITORIALI. Una flotta di 20 mezzi e 2.500 metri cubi di spazio freddo per lo stoccaggio dei prodotti. La sede legale è a Serradifalco (concessionaria Algida, in esclusiva)

L’economia di un territorio si regge sulla tenacia di imprenditori lungimiranti e dalla ferrea volontà. Capaci di dare una mano concreta alle zone nelle quali operano e vivono.

Un’eccellenza del Nisseno e del suo hinterland è rappresentata indubbiamente dalla nota azienda Novagel s.r.l. di cui è amministratore unico Lorenzo Calamera. Sessant’anni, sposato e padre di quattro figli (due maschi e due femmine), due lavorano con il padre. Il quale vanta ormai una lunga e conclamata esperienza professionale.

Operativo a partire già dal 1987 per le province di Caltanissetta e parte di Agrigento, inizia il suo percorso professionale come dipendente della vecchia concessionaria Algida. L’anno seguente diventa concessionario insieme ad altri soci. Nel 2001 avviene il riassetto societario in seno a Novagel e, poi, rilevate le restanti quote Lorenzo Calamera assume di fatto la carica, prestigiosa e impegnativa, di amministratore unico.

Dal 2014 la rinomata ditta opera anche sull’intero territorio provinciale di Enna. Insieme alle province di Caltanissetta ed Agrigento, dunque, sono il bacino di utenza di Novagel. Un’azienda che ha, in organico attualmente, 22 persone e una flotta di venti mezzi. Si muovono anche nelle Madonie.

Concessionaria Algida, Novagel si è adeguata ed evoluta al mercato fatto di croissanteria, vegetali, pane, pesce, salumi, gelato… Un’azienda leader. È stato, frattanto, costituito un consorzio, un gruppo di acquisto Cibi & Miti. Sono quattro concessionarie che unite diventano più forti e competitive. Si possono chiudere contratti con marchi blasonati e questo vantaggio contrattuale, ovviamente, poi ricade sul cliente. Si ha esclusività dei prodotti nel territorio. Con la famosa Algida, appunto, si ha un rapporto di esclusività.

Al mattino, tornando all’azienda Novagel c’è la vendita. Undici agenti lavorano indefessamente in lungo e in largo, supportati dal reparto amministrativo e dal magazzino, coordinati efficacemente da Calamera. Si hanno a disposizione ben 2.500 metri cubi di spazio freddo per lo stoccaggio dei prodotti.

Lorenzo Calamera ha sicuramente nella famiglia il suo faro. I figli, poi, gli danno una mano: Luca, 24 anni, responsabile magazzino; Irene, 27 anni, responsabile marketing, che sta lavorando alacremente all’innovazione dell’azienda, ad un importante progetto di e-commerce purtroppo rallentato dall’emergenza Covid-19; Dario, 19 anni, frequenta ingegneria informatica; Valeria, 18 anni, prossima al diploma al Pacle.

Con costanza, infine, Novagel dà una mano al territorio, donando i suoi prodotti. Una solidarietà continua e convinta, che denota grande sensibilità. Aiuta i meno fortunati con varie associazioni onlus e parrocchie.

Nel periodo pandemico, è stato potenziato il sostegno in favore del bisogno. In tanti modi. In questo breve racconto della bella realtà di Lorenzo Calamera c’è un pezzo di economia che sa come dare concretamente una mano al nostro amato territorio.

MICHELE BRUCCHERI