itinerario turistico-religioso
La locandina

Conferenza stampa, sabato prossimo, a Messina per presentare l’itinerario turistico-religioso legato al cardinale Giuseppe Guarino. In modalità telematica, per l’emergenza sanitaria Coronavirus, nella mattinata – tramite piattaforma Zoom – sarà illustrato il progetto dal titolo “Pellegrinaggio nei luoghi della fede: in cammino con il cardinale Giuseppe Guarino”.

messina itinerario turistico-religioso
Antonietta Micali (presidente Centro Studi)

Questo interessante itinerario turistico-religioso, organizzato e curato dal Centro Studi Cardinale Giuseppe Guarino, riguarderà principalmente i luoghi della fede e della spiritualità “del Servo di Dio, ubicati nei territori della regione Sicilia”, spiega a La Voce del Nisseno la dottoressa Antonietta Micali, presidente del Centro Studi.

Naturalmente, di questi luoghi fa parte Montedoro, nel Nisseno, luogo di nascita del cardinale Guarino. E poi: Agrigento, Palermo, Siracusa, Messina e successivamente Roma. Saranno questi i punti attrattivi in cui recarsi autonomamente, in famiglia, in gruppi, attraversando il cuore della Sicilia con mezzi privati, pubblici, a “passo lento” per gli amanti camminatori.

“L’iniziativa ricorda il 900º anniversario dalla fondazione dell’Archimandritato del SS. Salvatore di Messina. Papa Leone XIII nel 1883, riassegnò il titolo di Archimandrita del SS. Salvatore all’Arcivescovo di Messina Mons. Guarino”, prosegue Antonietta Micali.

Alla conferenza stampa di presentazione del progetto prenderanno parte Cesare Di Pietro, vescovo ausiliare della Diocesi di Messina, Lipari, Santa Lucia del Mela e Archimandritato del SS. Salvatore; suor Maria Chiara Mellace, Madre Generale delle Apostole della Sacra Famiglia; la dottoressa Antonietta Micali, presidente del Centro Studi; il professor Filippo Grasso dell’Università di Messina e la dottoressa Mariella Genovese dell’Agenzia di Viaggio “Vamos Amigos”.

Nel dicembre 2010, pubblicando la mia monografia “Montedoro” ho tratteggiato la figura del cardinale Guarino. Fu il primo a diventare vescovo del piccolo paese nisseno. Gli altri furono Giovanni Rizzo, Angelo Rizzo e l’attuale presule in terra di Brasile, Salvatore Paruzzo. Tutti inseriti in questo mio progetto editoriale di poco più di dieci anni fa.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: ANZIO (ROMA), GIORNALISMO E SOLIDARIETÀ: TRA I PREMIATI IL DIRETTORE MICHELE BRUCCHERI