di ENZA BELLAVIA (riceviamo e pubblichiamo) – POLITICA. Lo ribadisce il Movimento “Terra è Vita”. Per domani, convocato un tavolo sulla filiera vitivinicola. Presiederà l’assessore Toni Scilla

“Il governo Musumeci mantiene gli impegni assunti nei confronti del comparto agricolo siciliano”: a ribadirlo, a noi di Terra è Vita, che ne rappresentiamo gli interessi, è lo stesso Toni Scilla, assessore regionale all’Agricoltura, incontrato lo scorso 8 aprile. Ha voluto sottolineare a gran voce che vige un cambio di strategia e di visione nelle direttive dell’Assessorato Agricoltura e dello Sviluppo Rurale che presiede: “L’agricoltore e le sue problematiche sono al centro della politica economica dell’Assessorato che presiedo”.

Noi, di Terra è Vita, dal canto nostro, non possiamo che ritenerci soddisfatti dei risultati ottenuti: aver contribuito al cambio di visione per la valorizzazione del lavoro dell’agricoltore e, cosa importantissima, aver dato una fortissima accelerazione al Governo regionale affinché adottasse provvedimenti adeguati.

Infatti, le Misure 13 e 14, messe in atto con l’ausilio delle nostre indicazioni e i nostri suggerimenti, daranno una boccata di ossigeno ad un settore così gravemente penalizzato anche dalla situazione pandemica. A seguito del nostro incontro del 25 marzo a Palazzo d’Orleans con il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci e con il Dirigente Generale dell’Assessorato Agricoltura e Foreste, dott. Dario Caltabellotta, sono arrivati gli aiuti per il settore agricolo e zootecnico siciliano.

Nel dettaglio, sono stati stanziati 30 milioni di euro per la Misura 13, altri 30 per la Misura 14 del Psr , “Igiene e benessere degli animali”, di cui, a breve, sarà pubblicato il bando e altri 15 milioni di euro per i Progetti integrati di filiera (Pif). Insomma, sono previsti investimenti per un totale di 75 milioni di euro per i nostri allevatori e agricoltori. L’obbiettivo della Misura 13 “indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici” è volto a mantenere e a far proseguire l’attività agricola-zootecnica agli agricoltori che operano nelle zone montane e nelle altre zone soggette a vincoli specifici, a garantire il presidio per la salvaguardia del territorio ed a compensare gli agricoltori dei costi aggiuntivi di produzione.

Inoltre, Terra è Vita, consapevole della lentezza della macchina burocratica, ha proposto all’Assessore Scilla la sperimentazione di un sistema di bandi a sportello aperto che di fatto ridurrebbe i tempi, lunghi e talvolta tardivi, erogando, da subito, risorse ai soggetti che vi partecipano. Altresì, apprezziamo la ferrea determinazione, nella conferenza Stato-Regione, a difendere i diritti della Sicilia e delle regioni del sud sulla futura programmazione dei Fondi Europei.

Siamo al terzo incontro ma è doveroso, da parte nostra, riconoscere all’Assessore Scilla: determinazione e capacità, qualità che gli consentono di affrontare i problemi, fin qui presentati, portandoli velocemente a soluzione. La condivisione nel riconoscere l’Agricoltore come “custode” dell’ambiente e del territorio, tema a noi tanto caro, ci fa ben sperare.

Infatti, la richiesta d’incontro a Terra è Vita, a poche ore dalla riunione con l’assessore Scilla, da parte del Dirigente Generale, dott. Giovanni Salerno, del Comando Corpo Forestale della Regione Siciliana per partecipare alla pianificazione e alla programmazione per la prevenzione degli incendi per la prossima estate, testimonia il valore assoluto dell’Agricoltore custode nel presidiare in maniera capillare il territorio.

Domani (lunedì 12 aprile) parteciperemo, in quanto convocati dall’Assessorato Regionale dell’Agricoltura, al tavolo filiera vitivinicola presieduta dall’Assessore Scilla per il seguente ordine del giorno: OCM vino (RRV, Investimenti e promozione). Il nostro Movimento sarà presente con Santo Bono, che si avvarrà della consulenza di nostri tecnici esperti del settore al fine di contribuire al meglio alla discussione che verrà posta.

Infine, è stata fissata la data per affrontare le problematiche che affliggono il comparto uva da tavola. La zona di produzione interessata è quella di Canicattì, Mazzarrone e paesi limitrofi, rappresentanti delle eccellenze di uva da tavola siciliana, investita in questo momento da problematiche serie e urgenti. All’incontro con l’Assessore saranno presenti Vincenzo Cummaudo, insieme ad altri produttori e tecnici, e per Terra è Vita, che ha promosso l’incontro, saranno presenti Santo Bono e Giuseppe D’Angelo, nella veste anche di Vice Presidente del GAL Sicilia Centro Meridionale, in quanto il territorio di Canicattì è di pertinenza del GAL da lui presieduto.

Organismo, ricordiamo, che ha l’obbiettivo di favorire lo sviluppo delle aree rurali, sostenendo gli operatori e le amministrazioni locali, attraverso la promozione e l’attuazione di strategie sostenibili integrate, offrendo moltissime opportunità alle aziende agricole locali.

ENZA BELLAVIA

(Movimento Terra è Vita)