di MICHELE BRUCCHERI – CHIESA. Ordinazione presbiteriale avvenuta sabato pomeriggio. Proprio oggi compie 31 anni. Ecco un minuzioso ritratto del giovane salesiano

È stato ordinato sacerdote don Andrea Domenico Palma. Nativo di Piazza Armerina, proprio oggi festeggia 31 anni. Giovane salesiano dell’Ispettoria Salesiana Sicula, sabato scorso – nel pomeriggio – ha ricevuto l’ordinazione presbiteriale. La solenne celebrazione è stata presieduta dal vescovo Rosario Gisana, presso la Casa Salesiana “San Domenico Savio” di Gela.

Don Andrea Domenico Palma, fin da piccolo ha frequentato l’oratorio delle Figlie di Maria Ausiliatrice, poi in seguito gestito dai Salesiani Cooperatori Agostino Sella e Cinzia Vella dell’Associazione don Bosco 2000. «Dopo la Cresima – afferma il neo prete – e aver timbrato il cartellino, mi sono allontanato dalla fede. Soprattutto mi colpiva che i miei stessi compagni che frequentavano il corso di catechesi, abbandonavano pian piano la celebrazione domenicale e, sentendomi solo, abbandonai anche io. Da qui sono iniziati anni in cui ho vissuto una mia fede, un Dio a modo mio, fino a metterlo da parte».

All’età di 19 anni si è poi riavvicinato all’oratorio, e qui sperimenta lo spirito di accoglienza, di relazione e di famiglia. E come ama affermare: «Dio, ha tanta fantasia, e mi ha chiamato così: con un pallone e la nutella!». Percepita la chiamata, decide di iniziare un periodo di discernimento con i Salesiani, e così viene inviato come aspirante nella Casa Salesiana di Ragusa nell’ottobre del 2011, per poi iniziare il cammino di prenoviziato, nel gennaio 2012 a Catania Salette.

Dopo il primo anno di discernimento, sceglie di vivere l’intenso anno del noviziato, e dal 2012-2013 vive l’esperienza a Genzano di Roma, preparandosi con altri giovani alla prima professione come Salesiano di Don Bosco, l’8 settembre 2013 nelle mani di don Pascual Chávez Villanueva, IX successore di don Bosco.

Sostanzialmente vive i primi due anni da salesiano presso l’Istituto Salesiano Internazionale “San Tarcisio”, qui frequenta i corsi di filosofia presso l’Università Pontificia Salesiana, tornando per le esperienze estive in Sicilia a Pedara (2014) e Palermo Gesù Adolescente (2015). Nel 2015 – informa un comunicato stampa – rientra in Sicilia; l’Ispettore lo invia come tirocinante presso la casa di Catania Salette, qui vive la seconda fase della formazione salesiana, sperimentando sempre di più la vita comunitaria e la missione salesiana.

Dal 2017 al 2020 inizia la terza fase formativa, vivendo a Messina San Tommaso gli studi della teologia. In questi anni ha dato nuovo impulso alla missione salesiana nel territorio messinese presso le parrocchie di Madonna della Pace (Villaggio UNRRA) e Sacra Famiglia. Ha ricevuto il lettorato il 25 aprile 2018 a Riesi, l’accolitato il primo maggio 2019 a Palermo Santa Chiara.

Durante il terzo anno di teologia è stato delegato del MGS (Movimento Giovanile Salesiano) di Messina. Ha emesso la professione perpetua come Salesiano il 20 ottobre 2019 a Catania Salette, e il 6 giugno 2020 è stato ordinato diacono da Mons. Cesare Di Pietro, vescovo ausiliare di Messina, presso la cattedrale peloritana. Negli anni degli studi teologici ha vissuto le esperienze estive nelle case salesiane di Pedara, Marsala e Gela.

Nell’ultimo anno è stato inviato nella Comunità dei diaconi salesiani “San Tommaso” presso l’Università Pontificia Salesiana a Roma, per il completamento degli studi teologici con specializzazione in Pastorale Giovanile. Sabato scorso – in occasione della sua ordinazione sacerdotale – è stata predisposta una diretta streaming.

MICHELE BRUCCHERI