boom di contagiati
Operatori in reparto Covid

di MICHELE BRUCCHERI – EMERGENZA CORONAVIRUS. I dati del contagio di ieri, diffusi dall’Asp di Caltanissetta: 59 nuovi casi positivi. In prevalenza a Gela. Dodici nel capoluogo. Ecco in numeri

Da oggi e sino a mercoledì 28 aprile, anche Marianopoli e Resuttano – nel Nisseno – diventano “zona rossa”. Sostanzialmente, quasi tutta la provincia di Caltanissetta è stata “colorata” per via dei contagi in crescita. Attualmente, gli altri comuni in analoga situazione sono (il capoluogo ormai è da un mese “rossa”) Mazzarino, Sommatino, San Cataldo, Niscemi…

Operatori in reparto Covid per zona rossa marianopoli e resuttano
Operatori in reparto Covid

I dati dell’ultimo rilevamento dell’Asp di Caltanissetta, aggiornati a ieri sera, sono che nelle precedenti 24 ore si sono registrati 59 nuovi casi positivi. Quasi la metà (26), sono pazienti di Gela. E poi: 12 di Caltanissetta, 8 di Mussomeli, 4 di San Cataldo, 4 di Acquaviva Platani, 2 di Montedoro, 2 di Niscemi, 1 di Mazzarino.

Ricoverati in degenza ordinaria tre pazienti gelesi, uno di Caltanissetta, uno di San Cataldo e uno di Mussomeli. I dimessi – sempre dalla degenza ordinaria – sono due pazienti del capoluogo nisseno, in isolamento domiciliare. I guariti sono ben 58. Di questi, 49 di Caltanissetta (tre di San Cataldo, due di Gela, due di Villalba e due di Niscemi).

Il bollettino certifica 1.548 persone positive al Sars CoV-2 nella nostra provincia. Ottanta sono i ricoverati presso il reparto di Malattie infettive, nove in Terapia intensiva (1.459 sono in isolamento domiciliare con sintomi lievi o senza sintomi). Complessivamente, dall’inizio della pandemia si sono registrate 193 vittime. Due di queste, in ospedali fuori provincia. Poco più di diecimila (10.254) sono state le persone positive dall’inizio dell’emergenza sanitaria.

Ieri, in Sicilia si sono registrati 1.370 nuovi casi su 33.300 tamponi processati.

MICHELE BRUCCHERI