“Angeliche Armonie”
I due artisti e la locandina

“Angeliche Armonie” è il concerto di oggi pomeriggio a Serradifalco. Alle ore 19, infatti, si esibirà il duo formato da Gaetano Costa (violino) e Paola Gabriella Milazzo (pianoforte). Appuntamento musicale di grande spessore presso la chiesa Madre.

A promuovere l’evento sono l’Arcipretura di Serradifalco, il Comune e l’associazione “Amici di Serradifalco”. L’evento, alla vigilia dell’Immacolata Concezione – fanno sapere gli organizzatori –, si svolgerà nel pieno rispetto delle norme anti Covid-19.

Un duo affiatato e consolidato che certamente proporrà un repertorio pregevole. Nelle scorse settimane, Costa e Milazzo hanno suonato anche nell’ambito degli incontri danteschi riscuotendo unanime consensi e convinti apprezzamenti.

Gaetano Costa ha iniziato a studiare il violino all’età di 9 anni, diplomandosi a 19 anni presso l’Istituto Musicale “Vincenzo Bellini” di Caltanissetta sotto la guida del M° Vito Baschi. Ha proseguito gli studi ed ha partecipato a diverse masterclasses di interpretazione violinistica

Ha partecipato al II Festival europeo della musica svoltosi a Strasburgo, al III Festival europeo della musica svoltosi ad Eindhoven e al IV Festival della musica svoltosi a Budapest. Ha preso parte come orchestrale alla realizzazione di alcune opere presso il Teatro Astra a Victoria (Malta).

Tra le sue esperienze più importanti, ancora, ha suonato in occasione della visita pastorale di Papa Giovanni Paolo II a Caltanissetta. Collabora da diversi anni con l’Orchestra invitata alla premiazione del Nations Award, che si svolge annualmente presso il Teatro Antico di Taormina. Ha insegnato violino in diverse scuole. Attualmente è titolare della cattedra di Violino presso il Liceo Musicale “Manzoni-Juvara” di Caltanissetta.

“Angeliche Armonie”
I due artisti e la locandina

Paola Gabriella Milazzo si è diplomata in pianoforte nel 2009 col massimo dei voti sotto la guida del M° Giuseppe Fagone presso l’Istituto Superiore di studi musicali “Vincenzo Bellini” di Caltanissetta.

Nel 2013 ha conseguito presso lo stesso Istituto la laurea specialistica di secondo livello in Pianoforte indirizzo interpetativo-compositivo con 110/110 cum laude con una tesi dal titolo “L’alba di un nuovo linguaggio. Claude Debussy tra suggestioni ed evocazioni.

Ha al suo attivo numerosi concerti sia da solista che in formazioni da camera. Ha suonato in numerose città italiane, in diverse manifestazioni organizzate da associazioni quali l’Agimus, la Pro Loco, l’Orpheus, la Crescendo, la Jazz Gershwin, gli Amici della Musica. Nel marzo 2010 si è aggiudicata il 1° Premio al 6° Concorso Europeo di Esecuzione Musicale “Città Campobello di Licata” nella sezione Musica da camera.

Nel 2017 ha collaborato in qualità di pianista alla registrazione di un cd sui salmi di Liszt organizzata dal Conservatorio “Pergolesi” di Fermo e dall’Istituto Liszt di Bologna. Ha insegnato pianoforte nella scuola di musica Techné di Caltanissetta dal 2011 al 2014. È stata docente di pianoforte nella scuola secondaria di primo grado di Fabriano.

Collabora con l’I.S.S.M. “Vincenzo Bellini” di Caltanissetta in qualità di docente di pianoforte nei corsi preaccademici. Attualmente è titolare della cattedra di Pianoforte presso il Liceo “Manzoni-Juvara” di Caltanissetta.

Ed ecco infine il programma musicale di stasera per “Angeliche Armonie”. Si va da Schubert con Ave Maria a Puccini con Salve Regina; Saint-Saens con Ave Maria a Gounod sempre con Ave Maria. Ed ancora: da Bellini con Salve Regina a Caccini con Ave Maria. Senza svelare altri titoli, vi sveliamo invece altri autori: Debussy, Verdi, Vivaldi e Mascagni, tra gli altri.

I due musicisti, interpellati da La Voce del Nisseno, ci consegnano questa splendida frase: “Dove la parola manca, là comincia la musica; dove le parole si arrestano, l’uomo non può che cantare” (Vladimir Jankélévitch). “Angeliche Armonie” di stasera è un concerto da non perdere assolutamente.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: IL DUO PEPPE SFERRAZZA (CHITARRA) ED ENRICA PANETTA (VOCE) INCANTANO SERRADIFALCO

PIPPO BAUDO: “BISOGNA CREDERE IN QUESTA TERRA”