Pierluigi Sassi

di SILVANA LAZZARINO – AMBIENTE. Earth Day 2021. Si parte giovedì e per tredici ore, in diretta televisiva, l’evento cercherà di sensibilizzare alla tutela del Pianeta. Resoconto dalla nostra corrispondente

Tutelare la salute del mostro Pianeta significa restituire all’umanità una migliore qualità della vita nel rispetto di ogni essere vivente. Prima di tutto avere cura dello spazio in cui siamo nati, cresciuti e viviamo rappresenta un dovere per salvaguardare l’equilibrio dell’ecosistema dove ogni aspetto della vita minerale, vegetale e animale restituisce la meraviglia di questo universo di cui l’uomo è parte integrante. La Terra restituisce attraverso le sue bellezze tra vallate e pianure, mari, fumi e montagne, deserti e foreste abitate da diverse specie di flora e fauna, l’inesauribile capolavoro di cui gli uomini sono attori e spettatori, spesse volte disattenti e incuranti delle ferite inferte alla stessa Madre Terra che a fatica fino ad ora è riuscita seppur solo in parte a risanare. In quanto abitanti del loro Pianeta gli uomini sono chiamati a proteggerlo avendo cura di ogni suo angolo, scorcio, paesaggio, pensando che seppur di passaggio ogni individuo ha il compito di tutelare ogni singolo luogo che abita e attraversa pensando anche a chi verrà dopo di lui.

Tra pochi giorni vi sarà il 51° Anniversario della Giornata Mondiale della Terra (Earth Day. il 22 aprile 2021 si svolgerà infatti la seconda edizione di #OnePeopleOnePlanet – the multimedia marathon per celebrare in Italia questa giornata con un palinsesto di 13 ore di diretta streaming diretta da Gianni Milano sul canale televisivo digitale RaiPlay. Nato nel 1970 Earth Day – ONG riconosciuta dal Segretariato Generale dell’ONU – organizza l’evento di sensibilizzazione alla tutela del Pianeta più impattante al mondo con oltre un miliardo di persone mobilitate ogni anno attraverso l’opera di 75mila partners distribuiti nei 193 Paesi membri delle Nazioni Unite.

#OnePeopleOnePlanet – che caratterizza le celebrazioni italiane – nasce dagli sforzi di due organizzazioni – Earth Day Italia e Movimento dei Focolari – che hanno dato vita al Villaggio per la Terra di Villa Borghese inaugurato a sorpresa da Papa Francesco nel 2016 all’indomani dello storico accordo sul clima di Parigi.

La manifestazione ambientale più partecipata d’Italia fu sospesa nel 2020 a causa dell’emergenza Covid e immediatamente sostituita dalla maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet accolta dall’azienda Rai come forma di forte impegno sociale per la salvaguardia dell’ambiente in questa grave fase di crisi climatica.

La diretta televisiva prenderà il via alle 7:30 del mattino del 22 aprile per proseguire ininterrottamente fino alle 20:30. Dagli studi televisivi di Via Asiago RaiPlay #OnePeopleOnePlanet si collegherà quindi con numerosi programmi delle tante reti radiofoniche e televisive della Rai per un coinvolgimento di tutta l’azienda impegnata così in una straordinaria operazione di servizio pubblico al fianco dell’Earth Day e delle numerose organizzazioni non profit coinvolte per l’occasione.

“La maratona multimediale #OnePeopleOnePlanet rappresenta uno esempio davvero splendido di servizio pubblico – spiega il presidente di Earth Day Italia, Pierluigi Sassi – centinaia di associazioni si impegnano gratuitamente a produrre contenuti televisivi di eccellenza convergenti su un unico grande obiettivo: salvare tutta la bellezza che un’economia aggressiva e predatoria sta così gravemente mettendo a rischio. Dobbiamo dire un grazie sincero alla Rai – aggiunge – per questa illuminata operazione che rappresenta un concreto segnale di speranza per il raggiungimento degli ambiziosi ma urgenti obiettivi dello sviluppo sostenibile. Quest’anno saranno i giovani i veri protagonisti dell’Earth Day – conclude – affinché non sprechino la straordinaria occasione che il governo italiano ha offerto loro di esprimersi ufficialmente in occasione della Conferenza sul Clima che si terrà in Scozia a novembre. A loro non dobbiamo solo un Pianeta sano ma anche il diritto di decidere sul loro futuro”.

SILVANA LAZZARINO