sicilia
La presidente Simona Modeo

La Sicilia, terra di colori che variano con il passare delle stagioni, rigogliosa e verdissima in primavera, gialla in estate nel periodo della mietitura del grano. Lo storico granaio d’Italia, potrebbe non rivedere più i suoi meravigliosi colori, soffocati dal grigio scuro di enormi distese di pannelli solari. Le grandi multinazionali dell’energia avevano da tempo messo gli occhi sulla terra del sole e delle autorizzazioni facili, ottenute grazie ad un mai avvenuto potenziamento delle Soprintendenze ridotte all’osso come personale specializzato e ad un piano energetico regionale non all’altezza della situazione. sicilia

L’Italia è famosa in tutto il mondo per la bellezza del suo paesaggio, e l’art. 9 della Costituzione spesso rimane l’ultimo baluardo preposto alla sua tutela. Alcune regioni, come il Veneto e la Toscana, a protezione dei loro territori, hanno posto dei vincoli sulle centrali fotovoltaiche limitandone in maniera ferrea numero ed estensione. Una lodevole lungimiranza che purtroppo non sembrano possedere gli amministratori e i governanti della nostra bella isola.

La pandemia inoltre è stata l’occasione perfetta per inondare, in un momento di crisi e di efficienza ridotta a causa anche dello smart working, le Soprintendenze della Sicilia con centinaia di nuovi progetti di centrali fotovoltaiche che andranno a ricoprire migliaia di ettari di terreni, per lo più agricoli, in tutta l’isola. Mentre i contadini, stremati dalla crisi e da politiche agrarie ottuse, stanno accogliendo, neanche tanto a malincuore, le proposte di affitto (che vanno anche oltre i 2000 euro per ettaro/anno) o di vendita, che emissari molto convincenti propongono loro a prezzi fuori mercato, pur di aggiungere superficie su superficie.

D’altronde non parliamo di centrali di pochi MW, ma di impianti tra i più potenti al mondo che prevedono enormi distese di pannelli solari che in alcuni casi superano i mille ettari, quindi servono tanti, ma veramente tanti terreni e soldi, tanti soldi. E di soldi per pagare affitti e acquisti ce ne sono a valanga e ce ne saranno tanti anche in futuro, visto che anche, e soprattutto, noi, comuni consumatori, contribuiremo in maniera sostanziale alla loro sovvenzione tramite una vocina nella bolletta elettrica chiamata “oneri di sistema” che ci costa il 20% dell’importo totale (escludendo il canone tv) della bolletta, provare e verificare per credere.

Le conseguenze di questa mutazione avranno anche dure ripercussioni sul territorio, l’impoverimento vegetativo, dovuto alla mancata coltivazione dei campi e il conseguente rivestimento di elevate superfici con pannelli di colore scuro porterà ad un aumento della temperatura nelle zone interessate, con conseguente reale possibilità di desertificazione di vaste aree.

La Sicilia corre un grosso pericolo, essendo già una regione ad elevato rischio di desertificazione, come dimostra anche uno studio internazionale condotto dal prof. Christian Mulder (cattedra di Ecologia all’Università di Catania) secondo il quale la nostra isola va verso un progressivo inaridimento che la colloca in una desertificazione di tipologia libica. Ma proviamo a vedere in quale grande scenario energetico si colloca la Sicilia.

L’elettrodotto che da Chiaramonte Gulfi (Ragusa) a Ciminna (Palermo) attraverserà in diagonale tutta la Sicilia, non è altro che il tassello fondamentale di un crocevia energetico che metterà in connessione vari cavidotti marini come quello con la Tunisia, il Tunita, a sud, e il Tyrrhenian Link, a nord, che collegherà la Sicilia, con due cavidotti, alla Sardegna e alla Campania; il potenziamento dell’elettrodotto dello Stretto sarà l’ultimo passo per la chiusura del cerchio.

sicilia
La presidente Simona Modeo

Quindi la nostra isola dovrà soccombere schiacciata dal peso delle potentissime lobby internazionali dell’energia? Si profila un futuro di sfruttamento e di disastri simile a quello che avvenne negli anni 50/60 con i petrolchimici e le raffinerie? Ci auguriamo di no, ma i presupposti ci sono tutti perché questo possa verificarsi. Chiaramente non si può fermare il progresso, e il bisogno di fonti energetiche pulite come il fotovoltaico è fondamentale per l’economia del futuro, basta solo utilizzare un po’ più di raziocinio nello sfruttamento del suolo, abbandonando l’idea malsana della distruzione dei campi agricoli e spostando l’attenzione verso soluzioni meno invasive, come la copertura di aree degradate, quali ad esempio le ex cave e discariche, i siti minerari dismessi, le aree industriali abbandonate, i capannoni, le tettoie, le coperture di parcheggi…

La Regione Siciliana ha fior di dirigenti strapagati con i soldi dei contribuenti, cioè con i nostri soldi, cui competerebbe di realizzare un piano energetico regionale a impatto zero, senza recare danni all’agricoltura, al paesaggio e al patrimonio culturale. A questo punto ci chiediamo se siano effettivamente in grado di farlo. Quel che è certo, invece, è che anche in questo caso a prevalere è, more solito, la logica del business ad ogni costo, spalancando le porte agli assalti di speculatori, affaristi e mafiosi.

Siciliani svegliatevi! È in gioco il futuro della vostra terra.

Prof.ssa SIMONA MODEO

Presidente regionale SiciliAntica

LEGGI ANCHE: PIPPO BAUDO: “BISOGNA CREDERE IN QUESTA TERRA”