performare
Simona Miraglia e Amalia Borsellino

Giunge alla sua terza edizione Performare Festival, che si terrà nel comune di Serradifalco (Caltanissetta) dal 28 agosto al 4 settembre.

Il Festival, che ha sempre fatto del rapporto col territorio il suo punto di forza, e che nel 2020 non è andato in scena a causa dei limiti imposti dalla pandemia, quest’anno propone come tema Sguardi sulla bellezza. Una parola, sguardo, che richiama quasi provocatoriamente la necessità della presenza; come spiegano le stesse direttrici artistiche Simona Miraglia e Amalia Borsellino: “Perché dal vivo possiamo abitare un’utopia, stare dentro a un sogno, trovare una comunità, indagare il concetto di bellezza per generare azioni in grado di rivalutare il territorio e le relazioni”.

Dedicata all’arte performativa della scena contemporanea, al sostegno dei talenti del territorio siciliano e alla giovane danza d’autore, la manifestazione, ideata e curata dal Collettivo SicilyMade e prodotta dall’associazione culturale In Arte, quest’anno, in virtù degli obiettivi raggiunti nelle edizioni passate, ha conseguito un importante riconoscimento dal Ministero della Cultura, rientrando nell’elenco dei Festival di danza finanziati dal Fus.

Per questo, senza dimenticare le proprie radici e proponendo alcuni lavori di giovani coreografi “made in Sicily”, Performare Festival presenterà un programma con 14 performances firmate da 11 tra giovani coreografi e artisti di rilevanza nazionale e internazionale come Virgilio SieniRoberto Zappalà con la sua Compagnia Zappalà Danza, la coreografa e performer argentina Agostina D’AlessandroChiara Ameglio (Fattoria Vittadini), Elisa PaganiClaudia Rossi ValliSilvia GiuffréAnnalisa Di Lanno, oltre allo stesso Collettivo SicilyMade che presenterà il lavoro di Amalia BorsellinoMarta GrecoSilvia Oteri, vincitore del bando Le Città Invisibili.

Insieme agli spettacoli in cartellone torna Performare Project, momento fondamentale del festival, che propone percorsi intensivi di formazione legati alla ricerca coreografica e destinati sia ai danzatori che ai cittadini. Quest’anno, per rafforzare ancora di più il legame col territorio e per sostenere il settore dei lavoratori dello spettacolo duramente colpito dalla pandemia, i laboratori si trasformano in vere e proprie residenze per la creatività contemporanea e saranno guidate da Virgilio Sieni e Agostina D’Alessandro.

performare
Simona Miraglia e Amalia Borsellino

Il primo, con il progetto Agorà Serradifalco, pone la danza come elemento di coesione con il territorio, proponendo un’azione coreografica collettiva con la partecipazione di cittadini per: Riflettere sulle forme custodite nelle nostre posture, quale percorso di memoria sul gesto. Agostina D’Alessandro invece, condurrà un percorso intensivo di creazione e ricerca coreografica dedicato a danzatori professionisti, una vera e propria esperienza lavorativa a sostegno dei danzatori coinvolti.

Ci sarà anche la presenza dei giovani allievi del Liceo Coreutico di Caltanissetta, i quali al fianco dei danzatori professionisti, avranno l’occasione di sperimentare da vicino il processo di creazione. Le creazioni inedite realizzate dai coreografi ospiti per Performare Project, debutteranno all’interno del programma del festival.

Per info e prenotazioni: performarefestival@gmail.com

 

performare

PERFORMARE FESTIVAL 2021

PROGRAMMA SPETTACOLI

sab 28 agosto 

Agorà Serradifalco

Territori del gesto 2021

Un Progetto di Accademia sull’arte del gesto Virgilio Sieni

|

ANNALISA DI LANNO

Consciousness (anteprima)

|

COLLETTIVO SICILYMADE

Female Escape (prima nazionale)

dom 29 agosto 

COMPAGNIA ZAPPALA’ DANZA

Romeo e Giulietta 1.1 (la sfocatura dei corpi) 

giov 02 settembre 

AGOSTINA D’ALESSANDRO

Parcours

coreografia Agostina D’Alessandro

ven 03 settembre 

AGOSTINA D’ALESSANDRO

DAS SELBST – The Self (prima nazionale)

|

Living imagery (anteprima)

sab 04 settembre

FATTORIA VITTADINI

TRIEB_Estratto 

|

SILVIA GIUFFRE’

Nòstos 

|

CLAUDIA ROSSI VALLE

Era martedì (anteprima)

|

ELISA PAGANI

Ego Sistema 

LEGGI ANCHE:GIOVANNA CRISCUOLO: «MONICA VITTI E ANNA MARCHESINI SONO LE MIE DUE ICONE»