di MICHELE BRUCCHERI – CULTURA & LEGALITÀ. Nel trentennale del barbaro assassinio, l’iniziativa ideata da Antonello Iovane – in collaborazione con altri soggetti – ne fa rivivere la loro memoria

Nasce il Premio d’Arte TeC, una testimonianza artistica per ricordare e chiedere verità e giustizia per Pasquale Cristiano e Francesco Tramonte, i due cittadini di Lamezia Terme barbaramente uccisi dalla ‘ndrangheta trent’anni addietro (esattamente il 24 maggio del 1991), mentre compivano il proprio dovere. La cultura, quindi, è in loro ricordo e delle vittime innocenti delle mafie.

A trent’anni dalla tragedia, le loro voci e la loro memoria ritornano tramite una serie di concorsi che, attraverso mezzi di comunicazione artistici, mirano a veicolare un messaggio di sensibilizzazione al tema della legalità quale principio cardine anche dei semplici gesti di ogni giorno.

Il premio è ideato da Antonello Iovane in collaborazione con Nerd30, redazione Nerd presente sul suolo calabrese. Si suddivide in tre sezioni: Letteratura, Fotografia e Arte. A partire dal concorso letterario, con cui si ha la possibilità di ottenere una proposta di pubblicazione del proprio manoscritto da parte della casa editrice “Link edizioni”, oltre che riconoscimenti per i migliori racconti sul tema “Piccoli gesti quotidiani per sconfiggere il malaffare e l’indifferenza, per sentire così ogni mattina il fresco profumo della libertà”.

A questo si affianca un contest fotografico, realizzato in collaborazione con la Sezione Aurea di Lamezia Terme, i cui scatti dovranno focalizzare il concetto “il territorio, la partecipazione, l’ambiente, la bellezza, gesti quotidiani in nome della legalità”. Non poteva mancare, infine, un concorso dedicato all’arte del disegno. Gli artisti emergenti dovranno raffigurare la legalità, concepita come l’eterna lotta tra il bene e il male, per aggiudicarsi una borsa di studio messa a disposizione dalla prestigiosissima “Scuola Internazionale di Comics”, cofanetti di libri selezionati ed offerti dalle case editrici Bao Publishing e Becco Giallo Edizioni, o ancora un set carboncino da disegno con relativo album A3 messi a disposizione da “Mondo Artista Gruppo Gerstaecker”.

“Ove le condizioni sanitarie lo consentiranno, foto e disegni saranno oggetto di due mostre allestite a Lamezia Terme e che si concluderanno con la premiazione dei vincitori, anche della sezione letteratura, nel quarto week end di maggio 2021”, fa saper l’ufficio stampa del Premio TeC.

Inoltre, sempre norme anti-Covid permettendo, successivamente le mostre potranno essere itineranti su tutto il territorio nazionale. Il Premio d’Arte TeC è, dunque, concepito anche come una vetrina in cui gli artisti emergenti hanno la possibilità di dare sfogo alla propria passione, mettere in mostra il proprio talento e creare rete tra le proprie passioni.

“Per tale motivo, la partecipazione è gratuita”, chiarisce un comunicato stampa inviato alla nostra redazione. Sono aperte le adesioni alla manifestazione, inoltre, a enti interessati, “visto che vi sono già altri Comuni e Associazioni – conclude la nota – che hanno chiesto di poter condividere l’idea e il progetto culturale”.

MICHELE BRUCCHERI