di SILVANA LAZZARINO – TV. Serie condotta da Carlo Lucarelli dal titolo “In compagnia del lupo. Il cuore nero delle fiabe”, andrà in onda la sesta puntata. Alle ore 21.15. Da non perdere

Il sesto episodio del programma di Sky Arte ”In compagnia del lupo. Il cuore nero delle fiabe” condotto da Carlo Lucarelli in onda domani alle ore 21.15 è dedicato alla storia di Peter Pan. In questo episodio “Peter Pan, L’Angelo della Morte” Lucarelli rivela che dietro al racconto di James Matthew Barrie si ritrova il fenomeno delle frequenti morti premature dei bambini nell’Ottocento e che il protagonista è un malinconico angelo della morte.

Iniziato il 15 febbraio scorso, il programma attraverso 8 puntate svela i segreti nascosti nei racconti del “c’era una volta” al fine di far conoscere le fiabe sotto un nuovo punto di vista. Attraverso i racconti di Carlo Lucarelli il pubblico è invitato a scoprire quel di più delle fiabe così tante volte raccontate e ascoltate e di cui si conoscono a memoria non solo la trama, i caratteri dei personaggi, ma anche quei meccanismi compresi i colpi di scena dove i cattivi sono sempre i colpevoli e i buoni non sbagliano mai.

Ideata da Carlo Lucarelli e Mauro Smocovich, la serie, realizzata da TIWI e prodotta da Sky Arte, svela puntata dopo puntata verità non dette e inaspettate, situazioni diverse da quanto si è soliti conoscere e magari si può scoprire se ad essere il vero cattivo sia il lupo. Oltre agli orchi, alle streghe e al lupo nelle fiabe vi è qualcosa di più pauroso e inquietante che rimaneva nascosto durante l’ascolto o le letture delle fiabe. Se dietro a “Cappuccetto Rosso” si nasconde l’ossessione seicentesca per la licantropia che ha condotto al rogo numerose persone nella Francia del XVI secolo, in alcune fiabe come ad esempio quelle dei fratelli Grimm si scoprono esservi personaggi molto più forti rispetto a quelli da sempre immaginati come le protagoniste: bambine coraggiose che combattono per cambiare il loro destino.

Poi vi sono personaggi visti come veri e propri archetipi quali ad esempio Barbablù. Ospite della sesta puntata in onda domani, dedicata a Peter Pan è la scrittrice Simona Vinci.

Sinossi del sesto episodio “Peter Pan, L’Angelo della Morte”.

Quando il 1° maggio 1912, nei giardini di Kensington, viene inaugurata la statua di Peter Pan, i bambini sono entusiasti. Chi non è affatto soddisfatto, però, è James Matthew Barrie, l’autore della fiaba. “La statua – dice Barrie – non mostra il Diavolo che c’è dentro a Peter”. A nessuno di noi viene in mente il Diavolo pensando a Peter Pan, eppure in lui c’è qualcosa di inquietante, come strana e inquietante è la vita del suo autore.

Quando James ha solo sette anni, suo fratello maggiore David, il preferito di sua madre, muore in un incidente. Da quel momento James farà di tutto per prendere il posto di suo fratello e, proprio come Peter Pan, smetterà di crescere. Molti anni dopo, nei giardini di Kensington incontrerà i fratellini Davies e diventerà per loro un compagno di giochi. Barrie è adulto ma il suo corpo e la sua voce sono quelli di un adolescente. Dall’incontro con i piccoli Davies nasceranno le storie di Peter Pan, il bambino che non voleva crescere.

Barrie descrive Peter come un bambino dolcissimo e senza cuore, un mezzo e mezzo, che traghetta i bambini perduti verso un posto migliore, l’isola che non c’è. Peter è un piccolo angelo della morte. Per questo in lui c’è qualcosa di diabolico e strano, proprio come nel suo autore.

Con l’accompagnamento di illustrazioni animate, Carlo Lucarelli in ciascuna puntata svela al pubblico i risvolti insoliti, avventurosi, talvolta terribili e spaventosi che si celano all’interno delle fiabe, nella vita dei loro autori, nei fatti di cronaca che le hanno ispirate, nei costumi delle epoche in cui sono nate. Così egli afferma: “Da scrittore di noir ho sempre ammirato il lato horror delle fiabe: una concezione un po’ terroristica di una certa pedagogia le riempiva di mostri e fattacci di sangue che hanno sempre fatto fare un salto sulla sedia a tutti i bambini. Dentro però, c’è molto di più. Oltre a personaggi bellissimi e una tecnica narrativa sempre efficace, nelle fiabe c’è la capacità di raccontare il contesto storico in cui sono nate, con le sue problematiche e le sue contraddizioni, attuali adesso come allora. Uno specchio dei tempi e del cuore umano. Come un noir, appunto.”

Il programma è a cura di Carlo Lucarelli, Beatrice Renzi, Sara Olivieri, Antonio Monti, la regia di Antonio Monti, le illustrazioni e animazioni di TIWI. Girato presso il Teatro anatomico di Palazzo Bo, Padova e il Teatro Valli, Reggio Emilia, produttore esecutivo Federico Riboldazzi. I podcast sono distribuiti da Spreaker, prima piattaforma in Italia per la creazione, distribuzione e monetizzazione di podcast.

Di seguito il podcast riferito a questa puntata:  https://arte.sky.it/podcast/

SILVANA LAZZARINO