sagi
Panoramica di Milazzo

Si svolgerà domani, alle ore 11, presso la Sala del Consiglio Comunale di Milazzo, alla presenza del sindaco della città Pippo Midili, del segretario nazionale del sindacato, Nino Randisi, della vice segretaria nazionale Letizia Passarello, dell’assessore al Bilancio, Roberto Mellina e della consigliera comunale Fabiana Bambaci, la consegna dei Premi Nazionali SAGI (Sindacato Autonomo Giornalisti Italiani), “Letteratura e Poesia 2021” e “Imprenditoria”.

sagi
Salvatore Bucolo

I riconoscimenti sono stati assegnati rispettivamente al professor Salvatore Bucolo, docente di Storia e Filosofia e al giovane imprenditore Ferdinando del Bello.

A Bucolo il Premio è stato conferito per le sue recenti pubblicazioni: “Desiderio di Metafisica”, con prefazione del cardinale Coppa, edito da GrausEditore; “La cultura della solidarietà a fondamento della sicurezza urbana”, con prefazione di Sua Eccellenza Rev.ma Mons. Enrico Dal Covolo, edito sempre da GrausEditore ed infine per “Talenti in gabbia”, con prefazione di Lele Mora, edito da Musitalia.

A Del Bello, imprenditore di successo con la sua giovane azienda “D.B. Sevice” il premio del SAGI è stato attribuito per il settore della costruzione e gestione di impianti per la produzione di energia e nelle revisioni e manutenzioni di turbine e macchine rotanti.

Società che grazie all’ambizione dell’imprenditore milazzese è approdata anche in Arabia Saudita, dove ha stretto forti legami con delle realtà del Medio Oriente acquisendo dei contratti importanti.

sagi
Ferdinando Del Bello

Sempre a Ferdinando Del Bello va riconosciuto – secondo la giuria del SAGI (si legge nel comunicato stampa inviato a La Voce del Nisseno) – anche il merito di aver creato una recente società denominata “Turbo air oil & gas”, che si occupa di ingegneria e facility Management settore power, la quale opera in territori difficili e complicati ove sono presenti situazioni di guerra.

LEGGI ANCHE: NINO FRASSICA: “BISOGNA FARE LA GAVETTA, DALLA RECITA PARROCCHIALE IN POI”

ENRICO GUARNERI: “LITTERIO E’ UN MIRACOLO VIVENTE E PIACE AL PUBBLICO”