guarigioni a santa caterina
Giuseppe Ippolito, sindaco di Santa Caterina Villarmosa

Si coglie un filo di amarezza, nelle parole del sindaco Giuseppe Ippolito. Infatti, la sua Santa Caterina Villarmosa continuerà ad essere “zona rossa” sino a giovedì primo luglio. C’è una proroga a partire da domani. A firmare il provvedimento il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, sulla scorta della relazione dell’Asp di Caltanissetta.

filo di amarezza
Giuseppe Ippolito, sindaco di Santa Caterina Villarmomsa

“Nonostante la mia richiesta di revoca della Zona Rossa di qualche giorno fa o comunque di non proroga per le motivazioni precedentemente espresse, il Presidente Musumeci, su indicazione dell’Asp di Caltanissetta, in ottemperanza alle norme nazionali, considerata l’incidenza settimanale superiore al limite prefissato (32 nuovi casi rispetto ai 12 fissati), ha firmato l’Ordinanza di proroga”, dichiara.

“A questo punto per uscire dalla Zona Rossa non ci rimane che sperare che i nuovi contagi da oggi a giovedì prossimo non superino le 12 unità – aggiunge -. Confido ancora una volta nel senso di responsabilità dei singoli cittadini nel rispetto delle regole note e nella massiccia adesione alla campagna vaccinale di domenica per chi non può andare a Caltanissetta”.

Infatti, il sindaco Ippolito spiega: “La maggior parte dei cittadini che sono stati vaccinati con la prima dose lo scorso 18 maggio hanno ricevuto un sms con l’indicazione dell’ora per il richiamo. Si raccomanda di portare il certificato di registrazione rilasciato in occasione della somministrazione della prima dose”.

Informa: “Chi non ha ricevuto il messaggio (sms) e chi deve ancora vaccinarsi con la prima dose può prenotare il vaccino compilando un modulo. A seguire riceveranno un sms con l’indicazione dell’ora”. Tutto avverrà presso l’ex ospedale.

Giuseppe Ippolito, a conclusione, esprime la sua “grande vicinanza e solidarietà agli operatori economici che dovranno rimanere chiusi per almeno un’altra settimana. Non dispero di poter richiedere nuovamente la revoca anticipata se nei prossimi giorni i dati dei nuovi casi lo consentiranno”. Un filo di amarezza, per la proroga dell’ordinanza, ma anche tanta speranza per un cambio di rotta. Si spera in una vera e propria svolta.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: VACCINO DAY A SERRADIFALCO, TRA RICHIAMI E OVER TRENTA