giardino
L'assessora Marcella Natale e Leandro Janni

Nell’ambito delle manifestazioni culturali in corso a Caltanissetta, denominate “Miniera”, 1ª Edizione Estate 2021, ha avuto luogo lo scorso lunedì 12 luglio, a Palazzo Moncada, la presentazione del libro di Rosario Assunto “La bellezza assoluta del giardino Arte e filosofia della natura” – DeriveApprodi, 2021. L’evento, organizzato da Italia Nostra Sicilia e dal Comune di Caltanissetta, è stato presentato dall’assessora alla Cultura del Comune di Caltanissetta Marcella Natale. Sono seguiti i saluti e un breve intervento da parte del presidente dell’Ordine degli Architetti Piero Campa.

Del saggio di Rosario Assunto sul giardino, ma anche di paesaggio e di bellezza, hanno discusso il presidente di Italia Nostra Sicilia prof. Leandro Janni, lo storico dell’arte prof. Piero Zanetov e il filosofo prof. Massimo Venturi Ferriolo. Sono altresì intervenuti la presidente del Club Garden “La Ferula” Gabriella Urso, l’arch. Pasquale Tornatore e il prof. Salvatore Farina.

Nel corso della serata, è stata discussa e approfondita la proposta di Italia Nostra avanzata nei mesi scorsi e che ha riscosso notevole interesse: ovvero un concorso di progettazione per la realizzazione, nel Largo Paolo Barile, di un giardino. Giardino da dedicare al grande filosofo di origini nissene Rosario Assunto. A breve si costituirà un comitato tecnico-scientifico composto dal prof. Giuseppe Barbera, dal prof. Massimo Venturi Ferriolo, dal prof. Piero Zanetov, dal prof. Leandro Janni e dall’ing. Amedeo Falci.

Tale comitato elaborerà le linee guida relative al concorso di idee e ne costituirà la giuria. Nei loro interventi, sia il prof. Leandro Janni sia il filosofo Massimo Venturi Ferriolo, hanno fatto riferimento alla bellezza del Cimitero Angeli di Caltanissetta, peculiare giardino e insieme paesaggio straordinario. Piero Zanetov, invece, ha sottolineato l’importanza, per Rosario Assunto, degli studi e della formazione legati al contesto culturale nisseno di allora.

***

Viviamo il tempo dell’Antropocene: l’attuale epoca geologica in cui il pianeta Terra, nell’insieme delle sue caratteristiche fisiche, chimiche e biologiche, viene fortemente condizionato, su scala locale e su scala globale, dagli effetti rilevantissimi dell’azione umana. Questo speciale, inquietante stato di cose ci pone indubbiamente di fronte a grandi, pressanti responsabilità: locali e globali, personali e collettive. E certamente paghiamo il prezzo di uno sviluppo senza limiti, paghiamo le conseguenze di una estenuante, omologante “modernità”. Di un’esiziale idolatria del mercato e dei consumi. E rischiamo, oggi, persino di ripetere certi errori, certe scelte improprie, sbagliate, nel segno di un acritico neo-industrialismo, in nome e per conto della cosiddetta “transizione energetica/ecologica”. E persino, consumandoci nella contemporanea dialettica tra tutela dell’ambiente e tutela del paesaggio – tentando persino di modificare l’art. 9 della nostra Costituzione.

giardino
Il professor Leandro Janni

Insomma: l’un contro l’altro armati, tra orgoglioso sviluppismo tecnologico all’insegna di pale eoliche e impianti fotovoltaici ovunque e comunque, e tenace, consapevole tutela della straordinaria bellezza e ricchezza dei nostri territori.

Il filosofo Rosario Assunto, pagando il prezzo amaro dell’isolamento, se non della discriminazione, ha sempre affermato, inequivocabilmente, il diritto alla “bellezza”, che è rivolta alla totalità del genere umano. “Bellezza assoluta e infinita contemplazione” sono concetti fondanti delle sue meditazioni. E il “giardino”, peculiare oggetto della sua ricerca, è evocativo di un’ampia gamma di emozioni e sentimenti che in esso si possono vivere. Un luogo dell’anima. Un luogo dello spirito, per concentrarsi, contemplare, pregare. Luogo per ritrovare il contatto con il proprio essere. Con la natura. Un luogo nel quale poter assaporare il segreto dell’armonia del mondo.

giardino
Un momento dell’incontro

«L’uomo che contempla il giardino, vivendo il giardino, solleva sé stesso al di sopra della propria caducità di mero vivente» scrive Rosario Assunto. Un modo per intendere il giardino come una pratica insieme estetica e politica. E spirituale. Un pensiero davvero singolare quello di Assunto, che al “giardino”, ma anche al “paesaggio” dedica una delle riflessioni più profonde e interessanti del Novecento europeo.

Nel testo “La bellezza assoluta del giardino. Arte e filosofia della natura”, edizioni DeriveApprodi 2021, corredato da una stimolantissima prefazione del filosofo Massimo Venturi Ferriolo, Piero Zanetov – nipote di Rosario Assunto, curatore del volume – ripropone i passaggi fondamentali della teoria estetica del grande studioso di origini nissene, rivolta al giardino e alla sua filosofia. Dunque, un’antologia di testi selezionati su natura e bellezza, libertà e fantasia, decorazione e paesaggio.

giardino
La copertina del libro

Ciò dimostra chiaramente come Rosario Assunto, filosofo immaginifico, profetico, abbia anche largamente anticipato, con la sua opera, alcuni dei temi più rilevanti della recente riflessione ecologica sulla tutela e la conservazione del paesaggio. Sulla tutela e la conservazione della nostra “Casa Comune”. Il messaggio filosofico, sapienziale di Rosario Assunto insegna, fin dall’originario significato del “giardino quale grembo della vita”, ad agire nel rispetto del nostro Pianeta: in definitiva di noi stessi.

«È un pensiero rivolto al futuro, quello di Rosario Assunto. Un pensiero ancorato al mito eterno di una figura vitale, immagine del paradiso possibile dove tornare al dialogo con la natura in una visione unitaria dell’esistenza» ci dice Massimo Venturi Ferriolo. E indubbiamente, questa filosofia, questa “veltaschaung” è di urgente attualità per combattere la povertà del mondo e curare le terre dove abitiamo, difendendole dall’aggressività liberista, per salvare, con il mito eterno, la nostra vita.

E ancora Venturi Ferriolo, nel suo bellissimo saggio “Oltre il giardino. Filosofia di paesaggio”, Giulio Einaudi Editore 2019, ci dice: «Come operare per trasformare il mondo in un giardino? È la metafora poco indagata del buon luogo, offuscata dalla moderna contrapposizione fra uomo e natura; essa recupera – nella prospettiva di un mondo accogliente – la visione olistica della natura quale totalità di uomini, animali, vegetali e minerali; lì dove agisce l’etica della responsabilità contro il deterioramento del nostro pianeta, unico e irripetibile».

Prof. Leandro Janni

(Presidente regionale di Italia Nostra Sicilia)

 

LEGGI ANCHE: ROBERTO LIPARI: «TRASFORMO L’ANSIA IN ENERGIA»