liborio campione
Monsignor Liborio Campione

Lutto nella chiesa nissena: è morto monsignor Liborio Campione. Si è spento all’età di 96 anni e per parecchi anni fu vicario generale della Diocesi di Caltanissetta. È stato un grande testimone e attivo protagonista dei cambiamenti sociali ed ecclesiastici nel corso della sua lunga e intensa attività sacerdotale.

liborio campione
Monsignor Liborio Campione

Ebbi modo di conoscerlo giovanissimo. Il giorno prima avevo appena compiuto diciannove anni. Era dunque il 3 aprile 1987. Lo avevo intervistato per la radio assieme ad altri due prestigiosi ospiti: il senatore Raniero La Valle e la dottoressa Teresa Gentile, già parlamentare regionale. In quel periodo, sovente, incontravo per interviste ufficiali il vescovo pro tempore: monsignor Alfredo Maria Garsia.

Non ebbi più modo di intervistarlo, ma in talune circostanze pubbliche ho avuto modo di incontrarlo e di chiacchierare brevemente. Persona affabile e disponibile, ne conservo un buon ricordo.

Padre Liborio Campione divenne sacerdote nel lontano 1948. Fu ordinato prete dal vescovo Giovanni Jacono. Fu evidentemente docente ed educatore, assai attivo nel mondo dell’’associazionismo cattolico. Era stato pure delegato vescovile della Consulta delle aggregazioni laicali sin dalla sua nascita.

Dal 1952 al 1965 divenne direttore spirituale del seminario e poi Rettore dal 1965 al 1972 negli anni del dopo-Concilio. Successivamente, diventò vicario generale del vescovo Alfredo Maria Garsia per quasi tutto il suo episcopato e nei primi tre anni di ministero dell’attuale vescovo Mario Russotto.

È stato, inoltre, figura basilare, di grande riferimento per i laici nel 1976; era stato, infatti, protagonista dello storico convegno “Evangelizzazione e promozione umana”. Una persona aperta e dialogante.

Già dieci anni prima, nel 1967, monsignor Liborio Campione fu il primo sacerdote a celebrare messa in italiano nella Diocesi di Caltanissetta “dopo i cambiamenti nella liturgia determinati dal Concilio Vaticano II”.

Se ne va un protagonista della chiesa nissena, un personaggio autorevole e di notevole spessore pastorale e umano. Cordoglio e mestizia in tutti.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: DIOCESI DI RAGUSA, OGGI LA PLACA DIVENTA VESCOVO CON MONSIGNOR RUSSOTTO ORDINANTE