via romita
Il tratto in questione

“Finalmente l’amministrazione comunale dà ascolto fattivamente alla richiesta della realizzazione del collegamento tra la via Romita e la via Rochester, richiesta formalizzata lo scorso mese di gennaio con la presentazione al Comune con 837 firme raccolte su Change.org.”.

A firmare il comunicato stampa sono gli architetti Giancarlo La Rocca e Mauro Fornasero.

“L’amministrazione comunale, per la realizzazione del collegamento stradale tra la via Rochester e la via Romita, ha partecipando al bando che riguarda i progetti di rigenerazione urbana, finanziati dal Ministero dell’Interno – continua la nota -. Sappiamo bene che partecipare ad un bando pubblico con risorse limitate e condizioni non specifiche per la realizzazione di una strada non è ‘cosa’ semplice ed il finanziamento non è scontato, ma è giusto provarci e partecipare”.

Ciò è quanto appreso dagli architetti Giancarlo La Rocca e Mauro Fornasero da vari incontri con l’amministrazione comunale del capoluogo nisseno. Le modalità e il modello tipo per la presentazione delle istanze di contributo per l’accesso al finanziamento di investimenti in progetti di rigenerazione urbana “sono contenute nel decreto del ministero dell’Interno del 2 aprile 2021, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’8 aprile 2021 n.84”.

“Il provvedimento mira alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale nei Comuni con più di 15mila abitanti, nei capoluoghi di Provincia e nelle Città Metropolitane, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale”, spiegano a La Voce del Nisseno (versione online).

Il Comune poteva far richiesta di contributo per uno o più interventi nel limite massimo di 10.000.000 di euro, in quanto con popolazione da 50.000 a 100.000 abitanti.

via romita
Gli architetti La Rocca e Fornasero

La proposta presentata di completamento della via Romita comprende anche la realizzazione di una pista ciclabile, oltre che nel tratto da realizzare “ex novo”, pure nel tratto esistente, il che rafforza i requisiti per partecipare a pieno titolo all’ammissibilità del contributo. Le richieste di accesso al bando devono riferirsi ad opere pubbliche inserite nella programmazione annuale o triennale degli enti locali e rientrano nello strumento urbanistico vigente nell’ambito territoriale del comune.

“I progetti selezionati potranno essere eventualmente inclusi nel Piano per la ripresa e la resilienza nazionale finanziato dall’Unione europea – NextGenerationEU”, dichiarano i due architetti. “Si attende da oltre 30 anni il completamento della via Romita e l’occasione di questa opportunità di finanziamento è giusto utilizzarla, molte caratteristiche dell’opera rientrano tra i parametri richiesti dal bando, dalla rifunzionalizzazione di aree al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale alla mobilità sostenibile”.

Gli architetti La Rocca e Fornasero, insieme agli oltre 1000 iscritti al gruppo Facebook “Vogliamo la realizzazione del collegamento della via Romita con la via Rochester di Caltanissetta”, non sanno se la partecipazione al bando sortirà un riscontro positivo ma apprezzano che finalmente si facciano atti formali finalizzati alla realizzazione dell’opera.

LEGGI ANCHE: FP CGIL CALTANISSETTA: L’OBIETTIVO È LA STABILIZZAZIONE DEGLI ASU, DOPO 24 ANNI