Myriam De Luca
Myriam De Luca

Il tema della libertà declinato attraverso l’arte poetica di una delle autrici più sensibili dello scenario attuale, in grado di dare forma, con la parola, alle dinamiche e alle contraddizioni della società contemporanea. Con la poesia “Libertà è diversità” la poetessa e scrittrice palermitana Myriam De Luca ha conquistato il primo posto nell’ambito del Premio Internazionale “Poesia Circolare”, giunto alla XI edizione. La cerimonia si è svolta a Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina.

Un riconoscimento prestigioso per l’autrice di “Via Paganini, 7” , “L’invisibile nutrimento” ed “Esortazioni solitarie”: a suo agio nei territori della prosa e in quelli della poesia, Myriam De Luca è animata da un sincero amore per la Sicilia e, in generale, per tutti gli elementi paesaggistici e naturali che suggeriscono emozioni e riflessioni.

Un tratto costante nel suo mondo letterario, che la giuria del Premio – ideato da Nino Abbate, artista e fondatore del “Museo Epicentro” – ha pienamente apprezzato, assegnandole il podio. Il titolo del Premio si riferisce, per volontà dello stesso ideatore, alla presenza, in tutti i componimenti poetici, di elementi circolari.

A Myriam De Luca, contestualmente, è stato assegnato anche il Premio “Museo Epicentro”. Nello specifico, i versi che hanno conquistato i componenti della commissione parlano di libertà primordiale, un concetto al quale l’autrice tiene molto.

“La natura selvaggia, avulsa dalla contaminazione umana – spiega – è per me una metafora dell’esistenza”. “E – aggiunge – quando affronto il tema della libertà, lo faccio accettandone tutti i punti di vista e gli aspetti possibili: in una simile ottica, la diversità diventa fondamentale per accedere alla sostanza delle cose”.

Myriam De Luca
Myriam De Luca

Nelle motivazioni del Premio, è indicata la capacità, propria dell’autrice dei versi, di “raccontare con parole intense, ricche di pathos e struggenti, le bellezze e le contraddizioni di una terra antica e mitica come la Sicilia”.

Terra che, nell’universo emotivo di Myriam De Luca, diviene il luogo per compiere un viaggio ideale dentro sé stessi, con leggerezza ma senza sconti, all’insegna di quell’integrità morale e di quei valori altissimi che permeano tutta la sua produzione letteraria.

LEGGI ANCHE: «HO APERTO LA PORTA» È IL LIBRO D’ESORDIO DI CARMEN INGRAO CON LA PREFAZIONE DI MICHELE BRUCCHERI