casa nostra
Alcuni volontari

Lo scorso sabato 5 giugno si è tenuto a Caltanissetta il secondo incontro del progetto “Casa Nostra”, percorso di rigenerazione della Casa delle Culture e del Volontariato “Letizia Colajanni” del capoluogo.

Giovani, adulti, bambini protagonisti di un’attività preziosa di abbellimento e riqualificazione degli spazi della Casa delle Culture e del Volontariato, sede – da diversi anni – della delegazione CeSVoP (Centro di Servizi per il Volontariato) di Caltanissetta.

Realizzazione di porta vasi in legno per contenere diverse piante aromatiche e fiori, utilizzando materiali di riciclo ed ecosostenibili; pulitura e sistemazione delle aiuole e degli spazi verdi; rifacimento della ringhiera e messa a punto della segnaletica verticale ed orizzontale per i disabili: queste le principali attività di una splendida giornata di volontariato attivo dove, in un clima di collaborazione e allegria condivisa, sono ricominciate le attività di delegazione dopo diversi mesi di chiusura dovute alle restrizioni del Covid-19 che continueranno per tutto il mese di giugno.

Per le Associazioni questi incontri diventano non solo occasione per valorizzare un bene comune, quale quello della Casa delle Culture e del Volontariato, ma rappresentano anche uno spazio per rincontrarsi, socializzare e cominciare a programmare nuove attività da condividere.

La rete delle associazioni impegnata nel progetto è costituita da: Movi, Ass. “Sans Souci”, Ass. Protezione Civile “Pubblica Assistenza” Caltanissetta, ACAT, “Nessun Ostacolo”, “Le aquile” e WWF Sicilia Centrale.

casa nostra
Alcuni volontari

La Delegazione CeSVoP è coordinata da Paola Città (delegata), Pasquale Polizzi e Salvatore Giordano; la Casa delle Culture e del Volontariato è diretta da Filippo Maritato.

Altre associazioni e singoli cittadini volontari che volessero far parte della rete di enti del terzo settore che compongono la Delegazione CeSVoP di Caltanissetta possono visitare il sito www.cesvop.org per maggiori informazioni.

LEGGI ANCHE: MICHELA ZANARELLA: “LA POESIA? SPERO CONTINUI A FARE DA PONTE TRA LE CULTURE E I POPOLI”