fondazione sicana
Il CdA della Fondazione

Nasce la Fondazione Sicana. Uno strumento di cultura al servizio del territorio e delle comunità. Ufficialmente da martedì scorso 8 giugno. Nel suggestivo contesto artistico della sala del telegrafo del Palazzo delle ex Poste Centrali. Ne dà notizia il presidente della Banca Sicana, Giuseppe Di Forti. Al meeting di presentazione, erano presenti il sindaco di Caltanissetta, Roberto Gambino, la Soprintendente ai Beni Culturali ed Ambientali, Daniela Vullo, la vicesindaca, Grazia Giammusso, tra gli altri.

fondazione sicana
Un momento della presentazione

“Si tratta di un soggetto giuridico costituito sotto forma di Fondazione con personalità giuridica riconosciuta dalla Regione Siciliana che, sebbene emanazione della Banca – socio fondatore e finanziatore – in autonomia curerà l’identità e lo sviluppo del territorio nonché la crescita culturale delle comunità”. Sono queste le parole introduttive del presidente Di Forti.

Ed ancora: “In particolare, la Fondazione Sicana, che sarà amministrata da un Consiglio composto da sei soci espressione delle principali piazze storiche di insediamento della Banca, è stata fortemente voluta dal Consiglio di Amministrazione di Banca Sicana per realizzare due obiettivi fondamentali: il primo è salvaguardare e valorizzare l’importante patrimonio artistico e letterario di cui dispone la Banca (il riferimento è al Luogo della Identità e della Memoria Gino Morici a Caltanissetta e alla Biblioteca navarriana a Sambuca di Sicilia, ndr) e il secondo è realizzare e promuovere stabilmente iniziative finalizzate alla crescita morale e culturale dei membri delle comunità in linea con la missione della Banca di Credito Cooperativo in una visione fortemente integrata con il territorio di cui si vuole salvaguardare l’identità”.

“Non una scatola, quindi, ma uno strumento di sostegno duraturo particolarmente importante per la rinascita della Sicilia”, dichiarano all’unisono i promotori. E non a caso “il logo che è stato scelto – prosegue il presidente Di Forti – rifacendosi alla leggenda di Colapesce, richiama una colonna che, per naturale destinazione d’uso, svolge una funzione di sostegno: in questo caso, idealmente, il sostegno del territorio”.

“La Fondazione Sicana declinerà nel concreto i tradizionali valori della solidarietà e della cooperazione ma saprà anche svolgere un’azione di indirizzo per le nuove generazioni promuovendo una organica riflessione tra economia circolare ed economia del territorio in una visione di controtendenza per un radicale ripensamento dell’approccio economico e del rapporto dell’uomo con la natura”, prosegue Di Forti. Come è stato dimostrato, da sempre, dall’importante istituto creditizio.

Un ringraziamento è stato espresso a quanti si sono spesi per la realizzazione della nuova iniziativa che a vario titolo sono intervenuti nell’iter costitutivo “lungo e complesso”; e che si è concluso lo scorso 28 maggio con la pubblicazione sulla GURS; fra questi Enza Cilia e i dirigenti dell’Assessorato Beni Culturali ed Ambientali, nonché gli uffici della Presidenza della Regione.

Il sindaco Gambino, dal canto suo, ha salutato con favore la nuova iniziativa sottolineandone il valore per la comunità e riconoscendo l’impegno profuso con costante dedizione verso il territorio da parte della Banca Sicana “la cui prolificità nelle attività culturali rappresenta una ricchezza in campo locale”.

Nel formulare i migliori auspici per la neonata Fondazione Sicana, la vicesindaca Giammusso ha proposto la sottoscrizione di un partenariato pubblico-privato fra il Comune di Caltanissetta e la Fondazione Sicana per il sostegno di progetti di valenza collettiva nell’ambito di una azione sinergica.

Anche la Soprintendente, Vullo, nel ricordare la storia dell’immobile nel cui restauro all’epoca ha svolto le funzioni di alta sorveglianza e la meritoria attività in campo artistico e culturale svolta negli anni dalla Banca, ha salutato con favore la nascita della nuova realtà che, essendo finalizzata alla salvaguardia e alla valorizzazione del patrimonio artistico non solo della Banca ma di tutto il territorio, “troverà nella Sovrintendenza di Caltanissetta il naturale appoggio in tutte le iniziative di valenza collettiva”.

fondazione sicana
Il logo della Fondazione

Per il primo mandato quinquennale la Fondazione sarà amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da Giuseppe Di Forti (presidente), Antonio Piraino (vice presidente), Cettina Blando, Luigi Galante e Vincenzo Randazzo (consiglieri). Michele Savoja svolgerà la funzione di controllo e Michele Augello (direttore generale della Banca Sicana) svolgerà le funzioni di segretario.

La Banca Sicana è presente in provincia di Caltanissetta: nel capoluogo nisseno, a Gela, Serradifalco, Sommatino, Marianopoli, Riesi e Butera; in provincia di Agrigento: a Sambuca di Sicilia, Sciacca, Menfi, Ravanusa e Santa Margherita di Belice; in provincia di Palermo: a Giuliana e Contessa Entellina; e in provincia di Catania, esattamente a Caltagirone.

MICHELE BRUCCHERI

LEGGI ANCHE: GIUSEPPE DI FORTI: “UN FILO DIRETTO CON LA GENTE GRAZIE ANCHE AL GIORNALE”