Incontri

 
     
GRETA PANETTIERI INCANTA IL PUBBLICO DI MUSIC ART A NAPOLI

GRETA PANETTIERI INCANTA IL PUBBLICO DI MUSIC ART A NAPOLI

ott 09 2017

di DANIELA VELLANI – Un caleidoscopio di emozioni. Una cantante fuori dall’ordinario. Insieme a Sammartino, Mencarelli e Vantaggio. Davanti ad un pubblico da sold out

 

 
 

Quando le melodie ti conducono per mano in un caleidoscopio dai colori caldi e piacevolmente avvolgente, il tempo sospende le sue corse e i suoi affanni e ci si lascia andare al soffio delle emozioni. Ecco quello che è successo a chi venerdì scorso ha avuto la fortuna di trovarsi a Music Art di Napoli, lo storico club della musica bella. A rendere possibile tutto ciò è stato un quartetto speciale, quello che porta il nome di una cantante fuori dall’ordinario, che con la sua voce può fare tutto, anzi di più: Greta Panettieri. La giovane artista assieme a musicisti talentuosi e virtuosi come Andrea Sammartino al pianoforte, Daniele Mencarelli al basso elettrico e Valerio Vantaggio alla batteria, ha donato la sua ugola d’oro ad un pubblico da sold out, incantandolo e magnetizzandolo.

 

Il concerto si è aperto con una rilettura molto particolare e singolare del successo di Mina “Un anno d’amore” di Nino Ferrer, tratto dall’album “Non gioco più” uscito nel 2014. L’interpretazione, effettuata in francese, immediatamente ha dato la consapevolezza del grande spessore dell’evento ed ha immerso i presenti in una dimensione di ascolto attento. Subito dopo, con un cambiamento di ritmo e atmosfera, sono risuonate le note di “Shattered” (Sgretolata) che dà il nome al recente album della cantante. Via via il quartetto, riscaldato sempre più dalla bella sinergia creata col pubblico progressivamente ammaliato, continuava il suo percorso sonoro, alternando brani variegati dell’ultimo album, tra cui anche una canzone brasiliana, “Pensamento Feliz” ed “Oppure no” a tutto swing con un testo di Claudio Gregori (in arte Greg del duo Lillo&Greg), e successi di Mina come “Parole Parole”, “Se telefonando” e una versione molto toccante di “E se domani” interpretata col solo accompagnamento del pianoforte.

 
 

 

Greta Panettieri con grande padronanza della voce ha messo in mostra le sue infinite doti canore. Con cambi di tonalità, ora basse ora alte e ora sussurrate, ha dato un’impronta molto personale a tutti i brani. In alcuni momenti con lo scat riusciva a far immaginare una quantità di strumenti musicali: gli squilli di una tromba, le scale di un pianoforte, i pizzichi sulle corde di una chitarra. E’ una cantante di una bravura eccezionale, dal timbro di voce degno di far parte della migliore tradizione jazz afro-americana, in cui confluiscono e combaciano armoniosamente tecnica, potenza, notevoli capacità interpretative, virtuosismi ed emozioni a trecentosessanta gradi.

 

Non di meno gli altri componenti dell’ensemble che in un complice lavoro di squadra, hanno arricchito lo spettacolo con esemplari momenti improvvisativi. Il pianista e arrangiatore Andrea Sammartino ha incorniciato in un grandioso feeling musicale la voce di Greta con eleganza, raffinatezza e padronanza. Il suo tessere ricami sui tasti dispensava forti emozioni che avvolgevano i presenti e le meravigliose improvvisazioni sembravano uscire da una tavolozza cromatica. La sezione ritmica contemporaneamente offriva quel sound che ti faceva venire voglia di muoverti, danzare, partecipare alla performance. Gli assoli del contrabbassista Mencarelli e del batterista Vantaggio hanno lasciato i presenti senza parole per poi essere sommersi da applausi scroscianti.

 

La successione dei brani si è conclusa con un’esplosiva interpretazione della celeberrima “Brava” di Mina paragonabile alla pioggia di colori a raffica dei migliori fuochi d’artificio. Ma non poteva mancare il bis. Così la cantante, che tra l’altro col suo sorriso disarmante ed empatica simpatia ha dimostrato di essere anche un’ottima intrattenitrice, ha donato un’altra canzone lasciando negli animi di tutti una scia di note belle e il desiderio di poter riassaporare la sua arte quanto prima.

 

DANIELA VELLANI  

La Voce del Nisseno online