Incontri

 
     
CALTANISSETTA, UN PROGETTO DI ALTA VALENZA EDUCATIVA ALL’ISTITUTO LUIGI RUSSO

CALTANISSETTA, UN PROGETTO DI ALTA VALENZA EDUCATIVA ALL’ISTITUTO LUIGI RUSSO

giu 16 2017

Redazione Online – Si tirano le somme per valutare l’efficacia dell’offerta didattica e formativa. Bene il progetto “Educazione interculturale e alla Pace”. Dirigente scolastica, docenti e relatori soddisfatti 

 
 La dirigente scolastica Maria Rita Basta

 

Nell’istituto diretto dalla professoressa Maria Rita Basta, l’IISS “Luigi Russo” di Caltanissetta, si tirano le somme per valutare se il lavoro svolto nei lunghi mesi di scuola sia stato efficace e didatticamente interessante. Da una attenta disamina emerge una mole considerevole di attività, di vario genere, che confermano la qualità di un lavoro corposo, dinamico, poliedrico, ricco, ma soprattutto latore di importanti messaggi educativi. Non ultimo il Progetto “Educazione Interculturale e alla Pace”, portato avanti dalle docenti di Religione, professoresse Angela La Cognata e Maria Luisa Lacagnina, e che ha promosso l’apertura all’altro da sé, in un’ottica inclusiva e di accettazione, scevra da qualunque retaggio culturale improntato al razzismo, al bullismo o all’intolleranza.

Di grande valore il contributo apportato dai relatori intervenuti nel progetto. Il Pastore Aprile, della comunità valdese di Riesi, ha intrattenuto i ragazzi con un incontro sul rispetto delle differenze/diversità culturali e religiose. L’Archimandrita Paolo Patricolo, della comunità ortodossa di Caltanissetta, ha lavorato sul recupero dell’unitarietà della fede cristiana nelle sue varie confessioni. Infine il dottor Porrovecchio, psicologo nisseno, ha affrontato il delicato argomento del pregiudizio come “muro” che separa invece di unire.

Durante i diversi incontri in cui si è sviluppato il progetto gli alunni sono sempre stati animati da grande interesse e dalla voglia di capire, anche attraverso un vivace dibattito nutrito di curiosità, dando prova ancora una volta dell’importanza di poter godere di opportunità di crescita culturale, civile ed umana.

  

La Voce del Nisseno online