Incontri

 
     
“LA DIETA DEI PUPI SICILIANI” DI FABRIZIO MELFA A GELA

“LA DIETA DEI PUPI SICILIANI” DI FABRIZIO MELFA A GELA

mag 19 2017

Redazione Online – Dialogo con i lettori sui temi dell’alimentazione e del benessere. L’opera del medico estetico verrà presentata venerdì 26 maggio presso la biblioteca comunale

 

 
 

Cultura popolare siciliana, tradizione gastronomica mediterranea, contraddizioni dell’alimentazione contemporanea, industrializzazione del cibo: sono soltanto alcuni tra gli argomenti de “La Dieta dei Pupi Siciliani”, l’opera scritta dal medico estetico e anti – aging Fabrizio Melfa, specialista in Scienza dell’Alimentazione, che venerdì 26 maggio alle 18 sarà presentata a Gela, in provincia di Caltanissetta, presso gli spazi della Biblioteca comunale (in via Palazzi 4).

I lavori,  moderati dalla professoressa Lina Orlando, vedranno la presenza dell’autore che dialogherà con il collega Salvatore Tringali, primario del reparto di Emodialisi presso l’Ospedale di Gela – e componente del direttivo locale dell’Accademia della Cucina  -  per illustrare i contenuti del volume prodotto da EdizioniMediaging e divenuto un vero e proprio caso editoriale, anche grazie al felice connubio tra contenuti scientifici ed immagini accattivanti, che richiamano, in chiave dissacratoria, il mondo cavalleresco dei Paladini di Francia dell’Opera dei Pupi, raffigurati in chiave anti-eroica, alle prese con un inusuale contesto gastronomico.

La presentazione a Gela rappresenta, per l’autore, una tappa particolarmente significativa, nell’ambito dell’attività promozionale dell’opera, in corso in tutta Italia.

“Sono particolarmente felice di presentare il mio libro a Gela, città dove ho frequentato il liceo e mi sono diplomato e dove ho uno studio medico – spiega Melfa, attento conoscitore e divulgatore di argomenti legati alla cultura alimentare isolana – poiché proprio qui nacque ed operò il primo gastronomo siciliano, Archestrato di Gela, letterato ed esperto del cibo di qualità, che compose in esametri un poemetto dedicato ai piaceri del gusto e all’arte della cucina, del quale parlo nella parte dedicata alla Sicilia quale culla dei primi gastronomi al mondo”.

Un riferimento letterario rivolto all’eccelso personaggio vissuto nella seconda metà del secolo IV a. C. nella ricca polis di Gela che, per l’autore, si lega all’invito, diretto ai lettori, a riscoprire i valori della dieta mediterranea, anche sotto il profilo storico ed etno-antropologico. A conclusione dell’incontro, gli ospiti potranno degustare prodotti tipici siciliani dell’azienda Upanaru – Best SicilyFood, accompagnati da vini isolani.

La Voce del Nisseno online