INCONTRI

 
     
ROMA, È STATO PUBBLICATO “CANOVA – VITA DI UNO SCULTORE” DI MARIA LETIZIA PUTTI

ROMA, È STATO PUBBLICATO “CANOVA – VITA DI UNO SCULTORE” DI MARIA LETIZIA PUTTI

nov 16 2020

di MICHELE BRUCCHERI – LO SCAFFALE. Nuovo libro per l’autrice che è anche archeologa medioevale. Edito da Graphofeel, descrive “il carattere, le manie e il quotidiano” di questo personaggio 

Pubblicato qualche settimana fa il libro “Canova – Vita di uno sculture” (Graphofeel) a firma di Maria Letizia Putti. Un volume di 340 pagine (costo 21 euro) curato dalla scrittrice romana, che è anche - tra le altre cose - archeologa medioevale.

In pratica, la storia “del grande Antonio Canova”. Questo libero descrive “il carattere, le manie, il quotidiano di Antonio Canova tratti dai suoi scritti, diari, lettere, libri di conti e resoconti di viaggio”. Si precisa, inoltre, che il libro non è una semplice biografia, né vuol essere un trattato di storia dell'arte; piuttosto, compone un mosaico di curiosità, amori, aneddoti ed episodi sull’artista che ha dato nuova vita alla scultura italiana tra Sette e Ottocento.

Nel romanzo, infatti, emerge la personalità di Canova: la quotidianità del gesto artistico; la riservatezza e umiltà che metteva da parte quando era a colloquio con papi, imperatori e re; l'insofferenza di essere al centro dell’attenzione; la beneficenza con cui provvedeva agli artisti in difficoltà e ai familiari. E sullo sfondo, come in un film, le travagliate vicende della storia italiana ed europea nel turbolento passaggio tra i due secoli. 

Altre notizie dirette sono desunte dalle biografie scritte dai suoi contemporanei, in primis l’amico per la vita e scultore Antonio D’Este, poi gli amici Leopoldo Cicognara e Melchiorre Missirini, ma anche dalle migliaia di lettere scritte e ricevute da familiari, amici e personalità di tutta Europa, primo tra tutti Napoleone Bonaparte.

“Per anni ho curato la conservazione del fondo di libri antichi della biblioteca in cui lavoravo. Il fondo comprendeva 17 disegni a grafite e sanguigna, tavole anatomiche attribuite ad Antonio Canova dall’autentica di Alessandro D’Este scritta alla fine dell’annesso quaderno, autografo di Canova, con l’elenco dei fasci muscolari; successivi confronti calligrafici hanno rafforzato l’attribuzione - spiega l’autrice -. Le tavole sono state esposte in mostre e congressi in cui parlavo dell’iter formativo e della carriera dello scultore. Da ex insegnante di storia dell’arte ero l’unica, in un ente di ricerca scientifico, idonea a dissertare sulla formazione anatomica degli artisti, in particolare Canova e Leonardo da Vinci, di cui ho parlato in occasione del centenario della morte”.

Prosegue Maria Letizia Putti: “In questo libro ho voluto approfondire l’uomo Canova, l’artista l’ho lasciato alla sterminata letteratura su di lui. È ovvio che di arte si parla, l’arte è stata la vita di Canova, quindi imprescindibile se si vuole parlare di lui. Ma nelle migliaia di pagine lette cercavo i dettagli del carattere, i comportamenti, le abitudini, gli amici, la storia di famiglia e gli amori. A volte mi sembrava di violare il suo privato, ma andando in profondità mi sorprendevo di fronte alla figura d’uomo che si delineava, in lui trovavo molte affinità con me stessa; timido, modesto, per nulla superbo o sprezzante, come ci si aspetterebbe da chi, di piccoli natali, arriva alla fama e alla ricchezza”.

E conclude: “Per scrivere su di lui ho pensato come lui, m’immedesimavo, i suoi ragionamenti erano i miei e le notizie che leggevo saltando tra le biografie coeve, gli articoli e i saggi, confermavano che stavo procedendo nel modo giusto. In parecchi parlavano del suo sguardo, mite e sincero, della voce pacata, dei modi gentili, dell’umanità e della prodigalità negli aiuti ai poveri e ai bisognosi, della dignità per nulla servile che mostrava quando era a colloquio con i grandi della storia, papi, principi e imperatori”.

MICHELE BRUCCHERI

 

La Voce del Nisseno online