INCONTRI

 
     
EVELYN GAROFALO: “TREMESTIERI ETNEO È UN COMUNE RICCO DI POTENZIALITÀ”

EVELYN GAROFALO: “TREMESTIERI ETNEO È UN COMUNE RICCO DI POTENZIALITÀ”

set 09 2020

di MICHELE BRUCCHERI – L’INTERVISTA. Assessora uscente alla Pubblica istruzione e alla Cultura, è candidata al Consiglio comunale. Traccia un bilancio della sua attività: “Assolutamente positivo”    

 
 


Pubblica istruzione e Cultura sono gli ambiti di cui si è occupata nell’ultimo quinquennio come assessora comunale di Tremestieri Etneo. Al fianco del giovane sindaco Santi Rando, in un lavoro di squadra sinergico e coeso. Evelyn Garofalo, 46 anni, laurea in Giurisprudenza, avvocata, al microfono de La Voce del Nisseno (versione online) traccia il suo personale bilancio assessoriale: è assolutamente positivo. E aggiunge: “È un Comune ricco di potenzialità”.

Va enormemente fiera del Tremestieri Talent Show, che coinvolge i giovani delle scuole. I ragazzi esprimono il proprio talento, le istituzioni locali valorizzano le risorse del territorio. Ne parla con entusiasmo: “I giovani – asserisce con un brillio negli occhi – sono la risorsa più grande e mi hanno regalato le emozioni più belle durante questi cinque anni”. Sono quelle iniziative che se adeguatamente promosse, aiutano a crescere come comunità. Cambiare e migliorare è nelle corde del suo paese. Ci vuole forza e consapevolezza, Evelyn Garofalo ne ha da vendere.

“Stiamo adeguando le scuole in osservanza della normativa del distanziamento per garantire agli alunni la frequenza in presenza e senza doppi turni”, dichiara. È di stretta attualità, infatti, la ripresa della scuola; ormai mancano appena cinque giorni. Bisogna ripartire, dunque, dopo i mesi bui legati alla pandemia. Eletta come consigliera comunale nel 2012, è stata poi riconfermata nel 2015. Il sindaco Rando allora la coinvolge nella giunta municipale e da assessora ha portato avanti, con forza e tenacia, idee e progetti in questo lustro. Per dare un nuovo impulso al territorio, ciascuno con le proprie competenze.

“Sono consapevole – prosegue Evelyn Garofalo, candidata al Consiglio comunale per le elezioni amministrative del 4 e 5 ottobre – di avere dato sempre il massimo, operando le scelte che ho ritenuto migliori per il mio paese”. In questi anni di attività assessoriale ha dimostrato – insieme all’esecutivo uscente – che sa, che amministra, che è per i giovani… C’è una vitalità nella comunità e mette a disposizione della collettività il suo bagaglio di esperienza amministrativa maturata sul campo.  

Questa Amministrazione comunale di cui Evelyn Garofalo fa parte ha un progetto ambizioso, ha una visione. “Mi auguro – conclude – che ricordino il mio nome con simpatia, pensando ad una persona che ama lavorare per il proprio paese e per i suoi concittadini mettendosi sempre a disposizione e cercando di risolvere i problemi”. In queste semplici ma sentite parole c’è la stella polare della sua politica, c’è il suo indirizzo, la sua missione per migliorare la qualità della vita di Tremestieri Etneo.        

Qual è il bilancio della sua attività assessoriale nei campi della Pubblica istruzione e della Cultura?

È facile fare un bilancio dell'attività assessoriale perché è assolutamente positivo. Lavorare con le scuole è sicuramente impegnativo, ma è una grande fonte di continua energia, che viene naturalmente dai ragazzi. Essere a contatto con loro, con il loro entusiasmo e con i loro innumerevoli talenti è un'esperienza assolutamente meravigliosa che mi ha tanto arricchita in questi anni. 

 
 

C’è un progetto o più di uno di cui va maggiormente fiera?

Tremestieri Etneo è un Comune in Piano di Riequilibrio sin dal 2013 e questo comporta enormi vincoli di spesa e di bilancio. Insieme al Sindaco e ai colleghi di Giunta abbiamo dovuto inventarci soluzioni e mettere del nostro per poter realizzare iniziative ed eventi. Sicuramente quello di cui vado più fiera è il Tremestieri Talent Show, un talent nato già il primo anno del nostro insediamento e che vede esibirsi sul palco i ragazzi delle scuole in ogni ambito artistico. L'idea è nata assistendo, appena insediati, alle recite di fine anno. Col Sindaco ci siamo resi conto dell'enorme potenziale di talenti presenti sul territorio ed abbiamo deciso che dovevamo assolutamente dare loro modo di esibirsi su un palco. E così, grazie ad uno sponsor che ha creduto nell'iniziativa e l'ha realizzata con noi, è nato il Tremestieri Talent Show.

Nei mesi scorsi – ma ancora viviamo nell’incertezza – c’è stata la grave emergenza sanitaria legata al Coronavirus. Come l’ha segnata questa inedita pandemia in relazione alla sua attività politico-amministrativa?

L'emergenza Covid ha segnato tutti noi. La vita da qualche mese a questa parte non è più la stessa e questo vale sotto molti aspetti ed in tutti i settori. L'avvio del nuovo anno scolastico sta comportando una enorme mole di lavoro. Stiamo adeguando le scuole in osservanza della normativa del distanziamento per garantire agli alunni la frequenza in presenza e senza doppi turni.

Santi Rando, il sindaco di Tremestieri Etneo, anni fa l’ha voluta al suo fianco, nel ruolo di assessora. Dalla giunta municipale ha avuto modo di osservare meglio le problematiche del suo territorio. Quali sono le ombre e quali le luci? 

 
 

Tremestieri Etneo è un Comune ricco di potenzialità. Per anni è stato vissuto poco da gran parte degli abitanti che svolgevano attività lavorativa prevalentemente a Catania. Adesso, nonostante il piano di riequilibrio ancora vigente limiti moltissimo la capacità di spesa dell'Ente, si sono attuate molte iniziative che hanno reso più vivo e vivibile il territorio. Manifestazioni, apertura e riqualificazione dei parchi, mercatini rionali e creazione di aree sportive per i giovani che hanno creato grande movimento e partecipazione. Non per nulla l'obiettivo del Sindaco Rando è quello di una "Tremestieri ancora più Vivibile"

So che lei ama il rapporto con le scuole e, dunque, con i giovani. Cosa le hanno insegnato in questi anni di attività assessoriale?

I giovani sono la risorsa più grande e mi hanno regalato le emozioni più belle durante questi cinque anni. Sono capaci, maturi, creativi e denotano enormi capacità e grande talento. Un dovere per noi essere al loro fianco. Come assessore alla Pubblica istruzione ho portato insieme al Sindaco tantissimi progetti nelle nostre scuole e il livello qualitativo degli elaborati confesso che è una continua sorpresa. Nutriamo grandi aspettative per i nostri giovani e desideriamo contribuire a fornirgli strumenti ed opportunità.

Per non disperdere la sua preziosa esperienza amministrativa, il 4 e 5 ottobre – per le elezioni comunali – si ricandida. Perché dovrebbero votarla?

Michele le confesso che è un po' come essere in attesa della pagella. Nella vita si viene valutati per l'impegno profuso ed i risultati ottenuti. Quindi adesso saranno i Tremestieresi a dire se ho lavorato bene e se vogliono che continui a farlo con loro e per loro.

Quali sono i suoi valori di riferimento in politica?

I miei valori di riferimento in politica, come nella vita, sono l'onestà, la coerenza e la disponibilità verso gli altri. Sono esattamente gli stessi valori che insegno ai miei figli e cerco di farlo con l' esempio. Solo i nostri principi ci portano avanti nella vita e ci fanno volere bene dalle persone.

In questi anni nel ruolo di assessora comunale, ha avuto più rimpianti o più rimorsi?

Devo dire con onestà che non ho avuto né gli uni, né gli altri, Michele. Sono consapevole di avere dato sempre il massimo operando le scelte che ho ritenuto migliori per il mio paese.

Qualche domanda personale per conoscere meglio il personaggio pubblico. Che tipo di libri legge?

Belle queste domande personali, mi piacciono, anche perché di solito non me le pongono. Allora, racconto un po' di me. Amo tantissimo leggere e, anche se non ho molto tempo per farlo, la sera leggo sempre qualche pagina prima di dormire. I libri che prediligo sono i romanzi storici, ma mi piace spaziare anche in altri generi.

E che genere di musica ascolta?

Quanto alla musica che ascolto devo dire che dipende dall'umore. Sono molto romantica, ma in questi giorni di lavoro intenso quando posso metto musica rock ed in particolare ascolto i Muse.

Qual è la sua migliore virtù?

Elencare i miei pregi mi mette in difficoltà perché non amo vantarmi, però posso senz'altro dire di essere onesta e leale e mantengo sempre la parola data.

E il suo peggior difetto, se c’è?

Quanto ai difetti possiamo farne un elenco perché sono disordinata, eccessivamente sensibile e pure un po' permalosa.

Dal sito web del nostro giornale, qual è l’appello che fa ai nostri lettori digitali?

Più che un appello formulo un auspicio. Mi auguro che ricordino il mio nome con simpatia, pensando ad una persona che ama lavorare per il proprio paese e per i suoi concittadini mettendosi sempre a disposizione e cercando di risolvere i problemi. Questa è per me la definizione perfetta del ruolo di un politico ed è questo che desidero continuare a fare se i Tremestieresi mi confermeranno la loro fiducia il prossimo 4 e 5 Ottobre.

 

MICHELE BRUCCHERI

La Voce del Nisseno online