INCONTRI

 
     
MARIELLA IPPOLITO: “LE TERAPIE PER GRAVI PATOLOGIE RISCHIANO DI RIMANERE SOFFOCATE DALL’EMERGENZA CORONAVIRUS”

MARIELLA IPPOLITO: “LE TERAPIE PER GRAVI PATOLOGIE RISCHIANO DI RIMANERE SOFFOCATE DALL’EMERGENZA CORONAVIRUS”

mar 26 2020

Redazione Online – LA DENUNCIA. Grido d’allarme da parte della presidente Federfarma Caltanissetta. L’ex assessore regionale: incontro urgente, la questione è delicata per l’ordine pubblico 

 
 La farmacista Mariella Ippolito

"Le terapie per le gravi patologie dei cittadini rischiano di rimanere soffocate dall'emergenza Coronavirus". È quanto denuncia la presidente di Federfarma Caltanissetta, Mariella Ippolito, che ha chiesto un incontro urgente all'assessore regionale della Salute e all'Azienda sanitaria provinciale, informando anche il prefetto. La questione infatti rischia di assumere i contorni dell'ordine pubblico per via del ridimensionamento dei servizi offerti al pubblico in tema di distribuzione dei farmaci.

Se da un lato, legittimamente, i medici di famiglia hanno blindato i loro front office a tutela della salute propria e altrui, non è stato ancora trovato un sistema efficiente che rimedi a questi disagi. L'ex assessore regionale Mariella Ippolito ha così proposto la prescrizione in convenzionata e con ricetta dematerializzata dei farmaci in Distribuzione Per Conto (Dpc), vista l’impossibilità del cittadino a recarsi più volte in farmacia. Inoltre è stato richiesto che il rinnovo dei presidi ed ausili fino al prossimo 30 giugno possa essere effettuato dal medico di medicina generale tramite ricetta DEM mandata poi al distretto, per conoscenza.

Infine, i farmacisti hanno dato la propria disponibilità a ricevere i pacchi preparati dalla farmacia ospedaliera per la diretta territoriale tramite l’utilizzo della piattaforma già in atto solo per lo screening del colon retto. In un periodo di mobilità ridotta, si eviterebbero cosí i viaggi dai paesi verso i nosocomi di riferimento per il ritiro dei farmaci salva-vita.

"Nonostante ai farmacisti con la negazione di tamponi e altri dispositivi, si neghi di fatto, spero solo momentaneamente, il ruolo di operatori sanitari - ha concluso la dottoressa Mariella Ippolito -, continuiamo a lavorare insieme affinché una volta superata l’emergenza la croce verde accesa, oggi unica luce ad illuminare le strade delle città, possa testimoniare la centralità di una professione e di un ruolo ben rappresentato".

La Voce del Nisseno online