INCONTRI

 
     

La Voce del Nisseno online

 
     
DIEGO GALANTE: «GRAZIE SERRADIFALCO, SONO STATO ACCOLTO COME UN FIGLIO»

DIEGO GALANTE: «GRAZIE SERRADIFALCO, SONO STATO ACCOLTO COME UN FIGLIO»

dic 19 2019

IL RINGRAZIAMENTO. Infermiere professionale di Montedoro, ha erogato il suo servizio per ben 23 anni. Adesso lavora all’ospedale di Enna. Dalle colonne del nostro giornale, le sue parole 

 
 Diego Galante

Diego Galante, infermiere professionale di Montedoro, per ben ventitré anni ha lavorato in un rinomato laboratorio (il Centro Analisi Pasteur del dottor Zoda), servendo con grande professionalità ed encomiabile pazienza un vasto bacino d'utenza, comprendente parte del Vallone e, nella fattispecie, la comunità di Serradifalco. Dai microfoni de La Voce del Nisseno intende ringraziare solennemente: “Ringrazio Serradifalco e i serradifalchesi che in questi lunghi anni mi hanno accolto sempre come un figlio. Un rapporto d'amicizia veramente speciale. Grazie di vero cuore”.

Dal 1996, infatti, lo zelante professionista montedorese ha operato per conto dell'importante studio specialistico di medicina di laboratorio che ha diversi punti prelievo e, tra questi, appunto nel paese di Serradifalco.

Un lavoro delicato che inerisce il prelievo del sangue, in laboratorio ma anche a domicilio. Sempre con il sorriso sulle labbra, con la massima disponibilità e gentilezza, ma soprattutto con la seria competenza. Un rapporto di fiducia maturato nel tempo.

Sposato con Giovanna e padre di due figli, Gaetano Galante, 47 anni, infermiere professionale dal lontano 1992 esprime forte e sincera gratitudine alla comunità di Serradifalco per il magico legame che si è instaurato. Ha sempre ricevuto elogi. Gli attestati di stima e di affetto oggi li dona lui, dalle colonne del nostro giornale, alle numerose persone alle quali ha erogato un servizio professionale.

Attualmente lavora presso l'ospedale Umberto I di Enna, nel reparto di nefrologia al sesto piano. “Grazie Serradifalco, grazie a tutti in maniera semplice e vera”. Certamente tutti questi anni sono serviti ad arricchirsi non soltanto sul piano umano, ma soprattutto dal punto di vista professionale. Un’esperienza - senza ombra di dubbio - ricca e positiva.

MICHELE BRUCCHERI