INCONTRI

 
     
LINO STRONATI, IN ARTE STROLI, L’ARTISTA MAGICO CHE DIPINGE I SOGNI

LINO STRONATI, IN ARTE STROLI, L’ARTISTA MAGICO CHE DIPINGE I SOGNI

giu 27 2019

di LISA BERNARDINI – IL PERSONAGGIO DEL MESE/2. Vive e lavora a Jesi, nelle Marche. Si contraddistingue per originalità e per l’energia travolgente del suo espressionismo

 
 

 

Ha riscosso un notevole successo personale la mini personale romana di Lino Stronati in arte Stroli dal titolo "Uomini Volanti", inauguratasi nei giorni scorsi all'interno dell'evento Culture a Confronto dell'Associazione culturale Occhio dell'Arte. Ospitato con altri illustri artisti dalla Dr.ssa Hajar Medhat Seilfelnasr, Direttore dell'Ufficio delle Relazioni Culturali e Didattiche dell'Ambasciata della Repubblica Araba d'Egitto a Roma, Lino Stronati si dichiara soddisfatto. 

 
 

 

“La mia speranza per il futuro è di riappropriarci delle nostre ali abbandonate durante il tempo della nostra esistenza. Un nuovo volo ci aspetta, alleggerito dalle meschinità e dagli egoismi, sulle ali di un pensiero più alto e libero di esaltare la nostra terra rispettando il paradiso nel quale viviamo, tutti gli esseri viventi e noi stessi, per un futuro pieno di armonia e amore”, ci racconta di questo suo ultimo lavoro esposto nell'Urbe.

 

Il noto artista espressivo contemporaneo, che vive e lavora a Jesi nelle Marche, non lascia indifferenti i visitatori delle sue exhibitions. Stroli, infatti, nonostante un linguaggio elaborato in pochi anni da autodidatta, si contraddistingue per l'originalità e l'energia travolgente del suo espressionismo. Espone dal 2009 e ha già al suo attivo una cinquantina di mostre collettive e personali di grande pregio, in Italia e all'estero (Sarnano ad Assisi, Roma con il Premio Seraphicum, presso l'Ambasciata di Cuba, Ambasciata dell'Iraq presso la Santa Sede a Roma, Museo d'arte Moderna di Kiev, Svezia con la mostra itinerante "Arte Made in Italy", Abu Dhabi, Roma Palazzo del Quirinale e Museo dei Dioscuri, Museo di Arte Moderna del Louvre a Parigi).

 

I giardini e le sale espositive dell'Ufficio hanno ospitato le sue tele fra alcuni interessanti percorsi visuali e, nel solo giorno dell'inaugurazione, anche fra sentieri sonori, all’interno di un frame comunicativo, di apprendimento e di confronti interculturali. Il Made in Italy è uno dei tratti caratteristici del nostro Paese nel mondo, e Stroli è artista degno di rappresentarlo al meglio: talento, creatività e profondità sono tutti ingredienti presenti nei suoi lavori.

 

La contemporaneità Lino la vive con inesauribile e “giovane” energia applicata al colore e al materiale e che spiazza per la capacità di leggere e tradurre la realtà di tutti i giorni enfatizzandone drammi, criticità, aneliti e speranze possibili; il pessimismo che potremmo cogliere in alcuni lavori è solo di superficie: guardando più in profondità scopriamo che Stroli ci parla con amore e speranza dell’Uomo, indicandoci più qualcosa da riscoprire (il contatto con la natura, una certa spiritualità, la condivisione, la solidarietà) anziché qualcosa che sembrerebbe perso.

 

I premi e i riconoscimenti avuti in carriera sono tanti, e colpisce soprattutto la varietà dei contesti di assegnazione e presenza, come nel caso delle Ambasciate estere, che lo hanno riconosciuto artista di primo piano per valore e cifra stilistica.

 

LISA BERNARDINI 

 
 

 

 

 

La Voce del Nisseno online