INCONTRI

 
     
ROMA,

ROMA, "FIABE E ALTRE STORIE DI ORIGINARIA MAGIA" APPRODA IN CAMPIDOGLIO

mag 19 2019

di SILVANA LAZZARINO – CULTURA. Verrà presentato domani pomeriggio il libro di fiabe e racconti scritto dai ragazzi dell’Istituto Comprensivo “Nelson Mandela”

 
 

A restituire riferimenti a comportamenti ed emozioni che appartengono al quotidiano e a quanto l’individuo si trova a vivere nel suo relazionarsi e confrontarsi con gli altri, è l’universo della Fiaba attraverso un linguaggio che parla alla fantasia e all’immaginazione dove tutto può accadere e dove vi è sempre una soluzione. Spesso le fiabe anche attraverso messaggi criptati, diventano occasione per apprendere cosa sia giusto o sbagliato, dove risieda il bene o il male, quale sia il comportamento da usare in situazioni complesse e come risolvere le sfide utilizzando il buon senso. Molti sono poi i significati nascosti nelle fiabe che spesso sfuggono ad una prima lettura.

Caratterizzata da una forma di trasmissione orale, la Fiaba vede la prima forma scritta in India tra il II e III secolo d.C., mentre in Europa si deve attendere nel XVI secolo, ma è nel Seicento che la fiaba grazie alle raccolte di Gianbattista Basile con il “Pentamerone” (1634-1636) e di Charles Perrault con “I racconti di mia madre l’Oca” (1697) viene considerato un vero e proprio genere letterario.

Successivamente nel Settecento vengono diffuse in Europa “Le mille e una notte” raccolta di fiabe e novelle orientali grazie alla traduzione di Antoine Gallard. E’ con il XIX secolo che questo genere viene sempre più apprezzata e seguito da studiosi e intellettuali trovando in esso un interessante patrimonio di nozioni riferite a leggende, tradizioni polari e credenze. Sono di questo periodo i fratelli Grimm con la pubblicazione di una suggestiva raccolta di fiabe nel 1812 che stimola diversi studiosi a scrivere nuovi racconti e a trascrivere quelli antichi, come è stato per Christian Andersen con le sue fiabe “La sirenetta”, “Il brutto anatroccolo” e “Il soldatino di stagno”. Proseguendo nel secolo scorso le fiabe diventano oggetto di studi non solo inerenti la critica letteraria, ma anche l’aspetto antropologico e psicanalitico.

Oggi i ragazzi trovano nella scrittura delle fiabe occasione per raccontare e raccontarsi, come è accaduto per i giovani studenti dell’Istituto comprensivo Nelson Mandela di Roma, autori di fiabe e racconti pubblicate nel volume “FIABE E ALTRE STORIE DI ORDINARIA MAGIA” Edizioni Tlon, che viene presentato domani a Roma in Campidoglio presso la Sala della Protomoteca alle ore 17. Patrocinato da Roma Capitale, l’evento cui sarà presente l’Assessore alle Politiche Scolastiche Laura Baldassarre, sarà introdotto da Paolo Masini Presidente Roma BPA Mamma Roma e i suoi figli migliori, cui seguono gli interventi di Fabiola Conte Dirigente Scolastico “I.C. Nelson Mandela”, Salvatore Zipparri psicologo clinico e psicanalista Presidente dell’AIEMPR, Antonio Augenti Presidente Consorzio Universitario humanitas Lumsa e Lorenzo Cantatore Professore ordinario di Storia della Pedagogia e letteratura per l’infanzia Università di Roma Tre. Sarà poi la volta dei curatori Dario Amadei ed Elena Sbaraglia e dell’editore Nicola Bonimelli. Le letture saranno a cura di Alessia Filiberti, le musiche di Fabio Fochesato accompagneranno i canti degli Alunni dell’“IC Nelson Mandela” con la docente Marta Chiessi.

Curato da due figure di spicco nel settore della comunicazione e formazione quali Dario Amadei medico e scrittore ed Elena Sbaraglia, psicologa del lavoro ed esperta di formazione anche a livello aziendale, il libro è una raccolta di fiabe e racconti su temi come le paure, il bullismo, la diversità, il gruppo molto sentiti dai ragazzi. Fiabe e racconti che sono state scritte seguendo il metodo Step by step in una scrittura collettiva, dove ogni classe si è dedicata a stendere un racconto. In queste pagine sono racchiuse le idee e le sensazioni dei ragazzi attraverso una narrazione leggera e originale che conquista il lettore anche per la profonda umanità dei sentimenti espressi.

SILVANA LAZZARINO

La Voce del Nisseno online