INCONTRI

 
     
NAPOLI, GRANDE SUCCESSO PER “MELOS, VIAGGIO SULLE ALI DEL CANTO”

NAPOLI, GRANDE SUCCESSO PER “MELOS, VIAGGIO SULLE ALI DEL CANTO”

mag 13 2019

di DANIELA VELLANI – IL REPORTAGE. Soddisfatto il direttore artistico De Luca. Lo spettacolo s’è svolto presso il teatro dell’Istituto Comprensivo Nevio, guidato dalla dirigente scolastica Chieffo  

 
 

 

Con “Melos, viaggio sulle ali del canto” si è conclusa con grande successo e soddisfazione del direttore artistico Michelangelo De Luca la seconda edizione di “Music Festival”. Lo spettacolo si è svolto presso il teatro dell’I.C. Nevio di Napoli. Protagonista dell’evento è stato il Novapolis Ensemble costituito dai seguenti artisti: soprano Nunzia Infante, flauto Marco Covino, oboe Giovanni Borriello, clarinetto Giuseppe D’Antuono, corno Michelangelo De Luca, fagotto Marco Alfano e, special guest, il pianista Antonio Avagliano.

 

Lo spettacolo è stato ricco, di grande spessore culturale, interessante e coinvolgente. Si è trattato di un vero e proprio viaggio nella storia del canto attraverso un percorso melodico variegato ed esaustivo. Le esecuzioni dei brani sono state arricchite da proiezioni di immagini che hanno costituito un luminoso fondale scenografico. La raffinatezza, il talento e l’eleganza hanno caratterizzato la performance.

 

Dopo la presentazione del concerto e della rassegna a cura di Michelangelo De Luca (associazione Mousikè), con i ringraziamenti rivolti alla dirigente Maria Loreta Chieffo, al Consiglio di Istituto e ai numerosi sponsor che hanno supportato il progetto, è iniziato lo spettacolo. Suddiviso cronologicamente in diverse tappe che hanno ben evidenziato i diversi momenti storici e culturali del canto, il concerto, frutto di ampie ricerche filologiche, si è aperto con il primo esempio di canzone della storia, l’Epitaffio di Sicilo (II sec. a.C.), che con percussione e note sprigionate dal flauto basso e la voce di Nunzia Infante, in modo suggestivo ha ammaliato il pubblico, immergendolo subito nel viaggio musicale.

 

Subito dopo si sono susseguiti in modo fluido e con le sonorità adeguate ai diversi momenti storici e artistici, i diversi brani. Così dalle origini fino ai giorni nostri, tra melodie ed arie, si è fatto un arricchente viaggio nel tempo con le seguenti esecuzioni: Toccata e prologo (La Musica) dall’Orfeo di Monteverdi, musica medievale tratta dai Carmina Burana, Lascia che io pianga dal Rinaldo di Haendel, Ouverture del Flauto Magico di Mozart, “Stizzoso, mio stizzoso” dell’ Aria di Serpina dalla Serva padrona di Pergolesi, “Aria della Contessa Porgi amor” dalle Nozze di Figaro di Mozart, Ouverture del Nabucco di Verdi, l’aria “Habanera” dalla Carmen di Bizet, Aria di MusettaQuando me’n vo” dalla Boheme di Puccini, intermezzo musicale di Leoncavallo, Satie (piano e voce) La diva dell’Empire, Aria di Hanna da The Merry Widow (La vedova allegra) di Franz Lear, (piano e voce), Summertime da Porgy e Bess di Gershwin e infine Il Bacio di Arditi.

 

Marco Covino con interessanti descrizioni sia della musica che degli autori ha introdotto le diverse esecuzioni e le diverse fasi storiche rendendo ancora più suggestive le esecuzioni. Il tutto si è svolto in un’atmosfera calda ed elegante all’insegna del feeling e di una contagiosa sinergia. E dopo il successo dello spettacolo e dell’intera rassegna non ci resta che attendere la prossima edizione di Music Festival.

 

DANIELA VELLANI

 

La Voce del Nisseno online