INCONTRI

 
     
A ROMA MANTRA MADRE CON VIRGINIA VANDINI IN COLLABORAZIONE CON ORNELLA MARIANI

A ROMA MANTRA MADRE CON VIRGINIA VANDINI IN COLLABORAZIONE CON ORNELLA MARIANI

apr 02 2019

di SILVANA LAZZARINO – IL SEMINARIO. Si potrà percorrere il cammino che porta alla deprogrammazione quale spinta per accedere ad una vita realizzata

 
 Virginia Vandini

 

Si parla di risveglio e guarigione con il MANTRA MADRE. Detta anche tradizione del riassorbimento del reale o del ritiro delle proiezioni, la pratica del Mantra Madre ha la grande capacità di consentire a chi la esercita di “fare anima”, cioè acquisire l’abilità di riconoscere che gli eventi che ci accadono sono sogni, proiezioni, immagini animiche, istintuali. Noi proiettiamo ciò che abbiamo dentro e abitiamo le nostre immagini.

 

Verso il MANTRA MADRE in collaborazione con Ornella Mariani psicologa e psicoterapeuta, guida Virginia Vandini presidente dell’Associazione IL VALORE DEL FEMMINILE, sociologa, supervisor trainer counselor ad approccio immaginale, e direttrice della Scuola di Counseling ad orientamento psico-corporeo.

 

Insieme a Virginia Vandini, attraverso il seminario del MANTRA MADRE che si svolge a Roma nelle giornate del 6 e 7 aprile presso la sede dell’Associazione in Piazzale delle Provincie, 8 (zona piazza Bologna) si potrà percorrere il cammino che porta alla deprogrammazione quale spinta per accedere ad una vita realizzata. In questo cammino viene sottolineato come sia importante avere idee libere raggiungibili solo se ci si distacca da quelle idee dettate dalla programmazione inconscia, che derivano dall’interpretazione sociale, perché tutto ciò che è stato programmato può essere deprogrammato. Così ogni fatto, accadimento, viene riportato alla sua natura reale che è immagine. In questo modo non ci si sente più vittime degli eventi e si riacquista il potere che spetta fin dalla nascita, quel potere di scegliere di essere.

 

Il percorso di conoscenza del Mantra Madre prevede due seminari: l’incontro del Diamante e l’incontro del Fulmine. Il primo svoltosi in gennaio prevede gli esercizi spirituali del mattino e della sera con pratiche di ritiro delle proiezioni e riassorbimento del reale per una vita dove recuperare la propria libertà e gioia. Nel secondo incontro del 6 e 7 aprile vengono illustrati gli insegnamenti per risvegliare progressivamente le energie e maturare benessere, salute e prosperità; inoltre viene spiegato come apprendere le pratiche di guarigione e autoguarigione dal senso dell’oggettività delle cose. Attraverso questi insegnamenti poi nel tempo si potrà arrivare ad una deprogrammazione delle cellule che permetterà di attivare un cambiamento consapevole e profondo per essere artefici della propria vita.

 

SILVANA LAZZARINO

 

La Voce del Nisseno online