INCONTRI

 
     
NAPOLI, NOTE DI MUSICA ECCELLENTE CON “TOUCH TRIO”

NAPOLI, NOTE DI MUSICA ECCELLENTE CON “TOUCH TRIO”

feb 18 2019

di DANIELA VELLANI – IL REPORTAGE. Oltre al batterista Lorenzo Tucci, Roberto Tarenzi (pianoforte) e Jacopo Ferrazza (contrabbasso). Prossimo evento con la cantante Nicky Nicolai

 
 

 

Venerdì scorso presso Music Art, lo storico jazz club napoletano della Torretta, ancora una volta si sono sprigionate note di musica eccellente con “Touch Trio”. Questa volta protagonista è stato Lorenzo Tucci, tra i migliori batteristi jazz del mondo, “musicista dinamico, solare, con una grande passione per i batteristi americani degli anni ’50… il suo drumming vulcanico si mescola con quello più dinamico, accennato, fatto di tocchi che rappresenta la batteria moderna…” (F. Caprera “Dizionario del jazz italiano”).

 

Il presidente Ennio Forte, il vice presidente Rosario Minelli, il direttore artistico Peppe Reale, la moglie Hermina e il socio Giuseppe De Lollis, nell’usuale clima accogliente e familiare, hanno ospitato jazzisti di altissimo livello. Assieme a Lorenzo Tucci alla batteria, si sono esibiti, infatti, due musicisti fra i migliori talenti del jazz: Roberto Tarenzi al pianoforte e Jacopo Ferrazza al contrabbasso.

 

E’ stata una serata d’eccezione e imperdibile durante la quale il trio ha eseguito sia brani originali di Lorenzo Tucci, sia standard tratti dalla migliore tradizione americana. In apertura del concerto è stata eseguita una splendida versione di Mirror Mirror di Chic Corea, introdotta dal pianoforte quasi in punta di piedi per poi estendersi agli altri strumenti in un crescendo armonico con quei giochi di incontri sinergici che non solo hanno evidenziato l’ottimo interplay, ma hanno caratterizzato tutti i brani a seguire. Subito dopo in un fluido jazz si passava ad un altro standard: Just in Time.

 

Raffinata e soft l’esecuzione di Op, cavallo di battaglia di Tucci, in cui il contrabbasso è stato presente in modo avvolgente e si univa ai ricami del talentuoso pianista. La batteria potente e vigorosa apriva trionfalmente il celeberrimo standard Tear four two, brano su cui una improvvisazione al pianoforte lo rendeva particolarmente luminoso. Non è mancato il coinvolgimento del pubblico col brano successivo al ritmo di blues in F. Un corposo omaggio a Coltrane è stato offerto nella parte finale del concerto con le riletture di due brani: Wise One e Naima.

 

A gran voce è stato richiesto il bis e così il trio ha suonato ancora sulle note di un altro standard. Le esecuzioni sono state, dunque, cariche di energia e vigore, all’insegna dell’affiatamento e della complicità. Ciascun musicista, attraverso assoli o improvvisazioni, ha evidenziato talento e tecnica eccezionali in un jazz moderno, avanzato, con tratti dissonanti che rendevano le esecuzioni particolari e pregnanti di personalità. Lorenzo Tucci in modo coinvolgente ed emozionante con grande virtuosismo rendeva la batteria esplosiva inglobando in un vortice ritmico le melodie tessute con maestria da Roberto Tarenzi, mentre Jacopo Ferrazza ne disegnava artisticamente i tempi con una tecnica di rara raffinatezza.

 

E’ stato, dunque, un concerto imperdibile, di quelli che coinvolgono ed emozionano. Non è mancato il momento del piacevole intrattenimento enogastronomico nella solita atmosfera calda e familiare. Appuntamento a sabato 23 febbraio con la bravissima cantante Nicky Nicolai.

 

DANIELA VELLANI 

 
 

 

La Voce del Nisseno online