Incontri

 
     
FIRENZE, CONCERTO DI CANTO LIRICO E PREMIO INTERNAZIONALE ALLA PAROLA: SABATO E DOMENICA

FIRENZE, CONCERTO DI CANTO LIRICO E PREMIO INTERNAZIONALE ALLA PAROLA: SABATO E DOMENICA

dic 06 2018

di SILVANA LAZZARINO – Nel giorno dell’Immacolata Concezione, protagonista – tra gli altri – la soprano Paola Occhi. Il giorno dopo, presso l’auditorium, l’iniziativa culturale che valorizza la parola

 
 

 

Firenze patria della lingua italiana, scrigno di bellezze artistiche senza tempo accoglie nelle giornate dell’8 e 9 dicembre entro un’atmosfera che anticipa le festività natalizie, due appuntamenti dove protagoniste saranno la musica e il canto, ma anche le arti figurative e la poesia, il teatro e la cura dell’altro.

 

Il concerto all’Immacolata Concezione della soprano Paola Occhi, diretto dalla organista Lucia Baldacci avrà luogo presso la Chiesa di Ognissanti nel cuore di Firenze (Via Borgo Ognissanti, 42)  sabato 8 dicembre dalle ore 17.15 alla presenza di Sua Eminenza il Cardinale Ernest Simoni e sarà presentato dalla giornalista Rosaria Zizzo.

 

Le Soprano Paola Occhi e Sandra Foschiatto intoneranno i brani in cui si parla di amore, gratitudine, umiltà cui seguiranno il baritono Andrea Rola, il tenore Sergio Dos Santos, accompagnati dall’organista Lucia Baldacci, con il violino Roberta Malavolti, il clarinetto e clarino basso Sabrina Malavolti. Il Coro Estro Armonico Fiorentino sarà diretto dall’organista Lucia Baldacci.

Dopo il concerto nei suggestivi locali del Relais Santa Croce Hotel, quanti prenotati prenderanno parte alla cena di gala rigorosamente in abito da sera dove saranno serviti prodotti tipici fiorentini. Durante la serata si alterneranno momenti di letture poetiche e danza con la possibilità di scambio di opinioni tra i partecipanti.

Domenica 9 dicembre protagonista sarà la Parola con l’edizione di lancio del Premio Internazionale alla Parola fortemente voluto e ideato dalla soprano Paola Occhi e dalla giornalista  Rosaria Zizzo, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Firenze. Il Premio che avrà luogo presso l’Auditorium Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze (Via Folco Portinari 5/r Firenze) dalle ore 15 ha diversi sponsor, così come il buffet, a conclusione della cerimonia di premiazione.

Il Premio intende valorizzare la parola e il suo essere fonte di benessere se utilizzata con amore e dedizione, creatività e rispetto per sé e gli altri. La parola è il primo canale di comunicazione che ci lega da subito ad una persona nell’emozione. Più delle immagini, le parole risuonano nel cuore e nel pensiero nel tempo e anche a distanza di anni tornano a ricordare aspetti importanti della propria vita.

 
 

Come afferma Paola Occhi: “Le immagini forse col tempo si dimenticano, le parole rimangono per tutta la vita”. Proprio pensando alla forza comunicativa ed emozionale della parola Paola Occhi e Rosaria Zizzo hanno pensato ad un Premio in cui la parola abbracciasse i diversi campi di azione: dal canto alla poesia, dal teatro alle arti figurative, dal cinema alla medicina. Pertanto hanno deciso di assegnare questo premio così speciale e ricco di potenziale a persone secondo loro meritevoli per l’aver saputo utilizzare al meglio la parola nei loro ambiti di attività o interesse. La parola abbraccia non solo il canto e la musica, ma anche il teatro dove essa si unisce al gesto e l’arte poiché le immagini restituiscono parole nei segni e mei colori; senza dimenticare la medicina dove le parole spesso sono fondamentali per lenire sofferenze e incoraggiare chi soffre. Saranno conferiti anche premi alla memoria come a Giancarlo Siani, Peppino Impastato, Felicia Bartolotta, Mario Onesti.

 

Le parole curano, trasformano, permettono di cambiare per poi rinascere. Le parole avvicinano, uniscono, ma se usate in modo sbagliato allontanano. In questo contesto la parola è espressione della vita, di tante vite che nell’incontrarsi potranno dare voce a tante storie in cui affiorano emozioni.

SILVANA LAZZARINO

La Voce del Nisseno online