Incontri

 
     
COUS COUS FEST A SAN VITO LO CAPO, IL RACCONTO DI UNA STUDENTESSA DELL’ISTITUTO LUIGI RUSSO

COUS COUS FEST A SAN VITO LO CAPO, IL RACCONTO DI UNA STUDENTESSA DELL’ISTITUTO LUIGI RUSSO

ott 10 2018

di GRETA TASSONE – Tre alunne della scuola nissena (preside Maria Rita Basta), nell’ambito dell’alternanza scuola-lavoro, hanno vissuto un’importante esperienza. I dettagli su La Voce del Nisseno 

 
 

Ogni anno a San Vito Lo Capo (Trapani) si svolge il Cous Cous Fest, un appuntamento ormai fisso per appassionati e turisti, provenienti da tutto il mondo, curiosi di assaggiare tutte le ricette di cous cous proposte dai menù delle Case del Cous Cous e vivere una settimana ricca di spettacoli, musica, cucina e molto altro ancora.

Quest’anno per la 21esima edizione del festival, la Casa del Cous Cous del Maghreb di Emanuele Russo del ristorante “Le Lumie” di Marsala ha dato l’opportunità a tre studentesse dell’I.I.S.S. Luigi Russo di Caltanissetta, diretto dalla preside Maria Rita Basta, di svolgere un periodo di stage di alternanza scuola-lavoro presso lo stand del ristorante a San Vito Lo Capo.

Le alunne delle classi 5^ A e 5^ B dell’indirizzo linguistico - Danila Ferrera, Greta Tassone e Sofia Vitale, accompagnate dal referente per l’alternanza scuola-lavoro professor Michele Calà - dal 21 al 30 settembre scorso hanno avuto l’occasione di lavorare allo stand sul lungomare di San Vito Lo Capo, offrendo un servizio di accoglienza e traduzione a tutti i turisti stranieri. L’esperienza è stata di fondamentale importanza per mettere in pratica le lingue studiate e sfruttarle nel migliore dei modi, sperimentando a pieno il significato dell’alternanza scuola-lavoro.

Lavorare con i clienti, sia stranieri che italiani, ha portato le alunne a mettersi in gioco e approfondire le loro conoscenze nella quotidianità lavorativa. Inoltre l’ambiente di lavoro e l’occasione del festival hanno  dato la possibilità alle studentesse di lavorare in team, collaborare con dei colleghi e ascoltare le regole di un datore di lavoro, proprio come all’interno di un’azienda vera e propria con tutte le difficoltà e le soddisfazioni che ne derivano.

GRETA TASSONE

La Voce del Nisseno online