Incontri

 
     
SIRACUSA, È MORTA LA SIGNORA DEL CIRCO ITALIANO: LIDIA TOGNI

SIRACUSA, È MORTA LA SIGNORA DEL CIRCO ITALIANO: LIDIA TOGNI

lug 09 2018

di MICHELE BRUCCHERI – Aveva 86 anni. Lutto nel mondo circense. Nata a Ragusa, assieme al marito Riccardo e ai figli ha portato avanti una missione: donare felicità con i suoi spettacoli   

 

 
 

È morta, ieri mattina a Siracusa, all’età di 86 anni Lidia Togni (La Signora del Circo Italiano). È stata la fondatrice dell’omonimo complesso circense. La sua principale missione, in questi anni, era donare felicità attraverso l’arte dello spettacolo, ci fanno sapere dall’ufficio stampa.

La Voce del Nisseno (versione online) sovente ha riportato notizie legate al complesso circense. Oggi riferiamo della triste e luttuosa notizia. Lidia Togni era nata a Ragusa. Artista poliedrica, era stata trapezista e cavallerizza. Un’artista multiforme e completa, dunque. Aveva sposato l’addestratore Riccardo Canestrelli. Dal loro matrimonio sono nati tre figli. Assieme al marito fondò il celebre Circo Lidia Togni.   

Titolare di due grandi complessi circensi che portano il suo nome, aveva questa grande missione di portare felicità e gioia con i suoi spettacoli coinvolgenti in tutto il mondo. Una missione portata avanti anche con i figli: Davide, Liviana e Vinicio. Nel corso degli anni il suo circo aveva assunto la denominazione di Circo Massimo e Royal americano.

Era nata nella città siciliana nel 1932.  Lidia era figlia di Ugo Togni, che con i fratelli Ferdinando ed Ercole aveva fondato e gestito il "Circo Nazionale Togni". Agli inizi degli anni sessanta, insieme al marito Riccardo, aprì il "Royal", che in poco tempo, con tre piste, divenne uno dei più importanti circhi italiani. Nel 1971 venne ribattezzato "Lidia Togni".

Il marito Riccardo morì nel 1973. La sua famiglia si trasferì, successivamente, per alcuni anni in Francia, nel 1976, lavorando con alcuni importanti complessi circensi. Il ritorno in Italia avvenne nel 1980: tre anni dopo rinacque il circo "Lidia Togni".

MICHELE BRUCCHERI

 

La Voce del Nisseno online