Incontri

 
     
“LO SCRITTORE NON HA FAME” E’ IL NOVO ROMANZO DI MARIA LETIZIA PUTTI

“LO SCRITTORE NON HA FAME” E’ IL NOVO ROMANZO DI MARIA LETIZIA PUTTI

nov 23 2016

di MICHELE BRUCCHERI – Romana, scrive una storia curiosa e coinvolgente. Un viaggio dentro le ambizioni, le passioni e le fragilità. Il suo precedente successo è stato “La Signora dei baci. Luisa Spagnoli” 

 

 
 La scrittrice romana

Nuovo libro a firma della scrittrice romana Maria Letizia Putti. Un romanzo dal titolo alquanto curioso: “Lo scrittore non ha fame” (edito da Graphofeel Edizioni, 187 pagine, 13 euro). Si tratta di un viaggio assai interessante e coinvolgente dentro le ambizioni, le passioni e anche le fragilità umane. Scritto in maniera semplice, scorrevole e accattivante. Una scrittura che conferma lo stile preciso e personale della brava autrice che prosegue il cammino di sperimentazione del linguaggio, sempre più profondo, giornaliero e spontaneo.

La trama si dipana con una “sequenzialità piacevole”, fino ad una evoluzione avvolgente che suscita – nel lettore – una grande curiosità. I ripetuti viaggi in treno “sono per il protagonista lo spunto creativo per iniziare a scrivere e a raccontare storie comuni, che appartengono a chiunque”. Nasce così - prosegue la nota stampa -, dall’osservazione delle vite degli altri, un romanzo che “il nostro protagonista scrive senza eccessive ambizioni, più per piacere personale che per essere pubblicato”.

Ad un certo punto, però, accade l’imprevedibile. Lo scrittore esordiente è, suo malgrado, costretto a confrontarsi con l’improvvisa ebbrezza della fama. Un volume veramente coinvolgente. L’autrice ci introdurrà, dunque, nella quotidianità di Andrea, il bibliotecario pendolare con due viscerali passioni: la scrittura e il jazz. Dopo il successo della biografia romanzata de “La signora dei baci. Luisa Spagnoli” (sempre con la stessa casa editrice), Maria Letizia Putti torna con un romanzo che piacerà un sacco.

 
 La copertina del romanzo

“Emigrata” nella Tuscia meridionale, laureata in Archeologia e topografi­a medioevale, Maria Letizia Putti ha insegnato storia dell'arte e collaborato con la Rai come scrittrice di testi radiofonici. Da alcuni anni si occupa di conservazione del materiale librario antico e moderno presso una biblioteca scienti­fica statale. E’ inoltre autrice di articoli tecnici, nonché grande appassionata e cultrice di musica. Il suo esordio nella narrativa è stato con “Il passato remoto” due anni fa (riedito nel 2016 come e-book).

“La vita del protagonista del libro è scandita da momenti in famiglia, appuntamenti con gli amici, viaggi in treno per lavoro da Orvieto a Roma e viceversa, che diventano tempi di svago e osservazione costante dell’umanità - chiarisce la nota informativa sul volume -. E’ proprio dagli atteggiamenti della gente, dalle loro espressioni che Andrea inizia a dare forma a pensieri scritti, riflessioni e a racconti più concreti, fino ad arrivare alla stesura di un libro. Irrompe un sogno che cambierà per sempre il corso degli eventi, fino a scoprire il fascino ambiguo della fama”.

La storia di un uomo qualunque, in ultima analisi; che muta tra aspirazioni e desiderio di cambiamento, a riprova che non sempre il successo significa felicità. L’autrice romana ce lo racconta in maniera affascinante e con singolare bravura.

MICHELE BRUCCHERI