Incontri

 
     
JAQUES MORELENBAUM CELLO SAMBA TRIO E “OMAGGIO A TOM JOBIM” IN TOUR IN ITALIA

JAQUES MORELENBAUM CELLO SAMBA TRIO E “OMAGGIO A TOM JOBIM” IN TOUR IN ITALIA

nov 19 2016

di DANIELA VELLANI – Debutto ieri sera nel brindisino del famoso trio brasiliano. Altre tappe a Milano, Padova e Napoli   

 
 Il gruppo di musicisti brasiliani

Dopo il debutto al Teatro Comunale di Ceglie Messapica nel brindisino, il Jaques Morelenbaum Cello Samba trio proseguirà il suo tour italiano stasera presso l’Unicredit Pavilion a Milano. E domani alla Sala dei Giganti a Padova. E lunedì si concluderà presso la Casa della Musica a Napoli.

Il famoso trio brasiliano si trova in Italia per presentare il recente ed ultimo progetto “Omaggio a Tom Jobim”. Si tratta di un lavoro pregevole che fa rivivere nel modo migliore la musica del grande Maestro, Antonio Carlos Jobim.

 

La formazione è costituita dal famoso e talentuoso violoncellista Jaques Morelenbaum, dal raffinato chitarrista Lula Galvão e dal virtuoso percussionista Rafael Barata. Assieme a loro si esibisce la moglie di Jaques, Paula Morelenbaum, special guest. Il progetto, che mette in luce l’arte della bossa nova, prevede l’esecuzione di brani celeberrimi di Jobim, ormai classici e standard della tradizione brasiliana, come Desafinado, Águas de Março e Samba de Uma Nota .

I coniugi Morelenbaum per un decennio, fino alla morte di Jobim, hanno collaborato con la Banda Nova, Jaques come membro e arrangiatore e Paula come cantante. In quegli anni, hanno partecipato alle numerose tournée internazionali del grande Maestro carioca.

 
 Un momento del concerto di ieri sera nel brindisino

 

Jaques Morelenbaum è un talentuoso violoncellista e arrangiatore. La sua musica è raffinata e il suo nome è annoverato tra i grandi della musica sudamericana. Proviene da una famiglia di musicisti e vanta notevoli collaborazioni con nomi famosi come Caetano Veloso, Chico Buarque, Gilberto Gil, Egberto Gismonti, Maria Bethania, Sting, David Byrne, Dulce Pontes, Cesaria Evora e Ryuichi Sakamoto. Con quest’ultimo c’è stato un duraturo sodalizio. La sua carriera è lunga, ricca e variegata. Oltre ai numerosi concerti e partecipazioni ad eventi, ha diretto orchestre classiche e sinfoniche, ha conseguito premi prestigiosi ed ha ricevuto apprezzamenti e riconoscimenti in tutto il mondo. La sua musica è presente in centinaia e centinaia di dischi.

 

La moglie, Paula Morelenbaum, è una delle vocalist più famose non solo in Brasile, ma anche a livello mondiale. La sua carriera è legata al grande Maestro di cui continuano a seguire le orme. Anche lei, come il coniuge, vanta numerose collaborazioni e registrazioni di dischi. E’ interessante evidenziare che il concerto che il trio presenterà a Napoli completa un discorso iniziato il 10 giugno presso la Casina pompeiana nella villa Comunale della città partenopea. In quella location, infatti, fu fatta la presentazione della biografia di Antonio Carlos Jobim di Sérgio Cabral e tradotta da Salvatore Solimeno, durante la quale in modo interessante furono individuate le somiglianze fra le armonie della canzone napoletana con la bossanova ed il blues. Si giunse alla conclusione che ciò che unisce gli stili è un sentimento comune definito col termine napoletano intraducibile “’a pucundria”, una sorta di saggia malinconia.

 

DANIELA VELLANI