Incontri

 
     
GIANFRANCO MICCICHE’ A CALTANISSETTA: “MI CANDIDO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE”

GIANFRANCO MICCICHE’ A CALTANISSETTA: “MI CANDIDO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE”

gen 16 2011

di MICHELE BRUCCHERI - Il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega al Cipe ha incontrato i dirigenti e i simpatizzanti che aderiscono a Forza del Sud. In prima fila, il presidente del Consiglio provinciale Michele Mancuso

 
 L'onorevole Gianfranco Miccichè

 

 

Bagno di folla per Forza del Sud che nasce anche a Caltanissetta. A “benedire” la convention c’è il leader indiscusso del nuovo progetto politico di ispirazione meridionalista, ossia l’onorevole Gianfranco Miccichè che è, attualmente, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con l’importante e prestigiosa delega al Cipe. All’evento sono presenti i dirigenti e i simpatizzanti del soggetto politico, con in testa il presidente del Consiglio provinciale nisseno Michele Mancuso.

 

“Mi candido alla Presidenza della Regione – tuona l’ex presidente dell’Assemblea regionale siciliana -. Lasciare la politica nazionale non è indolore, ma amo notevolmente la mia Sicilia”. Una notizia bomba e deflagrante. Una stoccata polemica è, poi, direttamente rivolta al presidente della Regione, Raffaele Lombardo che in contemporanea si trova a Serradifalco per verificare di persona il padiglione della scuola elementare crollato circa una settimana addietro. Al termine dell’assise pubblica avviciniamo l’esponente del governo Berlusconi che tra l’altro racconta della proposta del presidente del Consiglio di nominarlo ministro pur di evitare di fondare il nuovo soggetto politico. Ma lui non ha accettato: “Bisogna dare una mano alla Sicilia. Dobbiamo creare un futuro dignitoso in favore della nostra terra”.

 

 

 
 L'onorevole Miccichè e il direttore Michele Bruccheri

Senza scimmiottare l’equivalente politico esistente nel settentrione d’Italia con la Lega Nord che veste di verde, “abbiamo scelto l’arancione delle arance e del sole”. E poi aggiunge: “Siamo il partito che vuole difendere il territorio. Purtroppo nessun Governo si è mai interessato seriamente del Sud. Si parla della questione settentrionale. Invece si deve parlare con forza della questione meridionale”.

 Il sottosegretario Miccichè nella sua auto blu

 

Al meeting politico sono presenti, tra gli altri, l’ex assessore provinciale Tilde Falcone, l’ex consigliere provinciale Giuseppe Anzalone, l’attuale sindaco di Delia, Calogero Messana, il senatore Gianni Mauro e il parlamentare nazionale Pippo Fallica. “Bisogna utilizzare ciò che abbiamo e spendere ciò che ci danno – prosegue l’onorevole Miccichè -. Non possiamo permetterci di non utilizzare le risorse finanziarie che ci erogano. Purtroppo, c’è una classe politica dirigente che non fa nulla. Dobbiamo diminuire il potere politico e burocratico che frena spesso e volentieri lo sviluppo socio-economico. E’ pronta una proposta di legge che cambierà in Sicilia il metodo amministrativo. Si passerà dall’autorizzazione al controllo. Altrimenti, rischiamo di andare sempre più indietro. Non si può bloccare lo sviluppo di questa terra, chi vuole investire”.

 

Per Miccichè, “Forza del Sud è sfruttare nuove opportunità. Per rilanciare il Meridione. Frequentemente ho incontri con varie categorie sociali e produttive per capire meglio, per trovare le soluzioni più efficaci ai problemi. Dobbiamo evitare che i nostri giovani vadano a lavorare al Nord. Due delle tre mie figlie sono andate via. I nostri giovani devono spendersi nella propria terra. Noi dobbiamo aiutarli. E dobbiamo evitare di dire sempre e comunque ‘no’ a tutto. Non vogliamo imperatori. Dobbiamo lavorare per la nostra terra. Farla crescere. Il Nisseno è una provincia unica: non c’è un nord e un sud. Dobbiamo dare risposte al territorio, in modo convincente. E tu Michelino (Michele Mancuso, ndr) sai ciò che bisogna fare”.

 

MICHELE BRUCCHERI