Incontri

 
     
NAPOLI, PLASTIC FREE ALL’ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIO GUIDATO DALLA DIRIGENTE MARIA LORETA CHIEFFO

NAPOLI, PLASTIC FREE ALL’ISTITUTO COMPRENSIVO NEVIO GUIDATO DALLA DIRIGENTE MARIA LORETA CHIEFFO

set 22 2019

di DANIELA VELLANI – L’INIZIATIVA. Ampio spazio all’ambiente e all’ecologia. La scuola partenopea promuove progetti ad hoc che coinvolgono tutti gli alunni. Per una nuova consapevolezza

 
 

 

I riflettori dei media negli ultimi tempi sono particolarmente puntati sull’ambiente e le sue preoccupanti trasformazioni climatiche e morfologiche causate dall’intervento dell’uomo. Si parla sempre di più di sostenibilità e impatto ambientale, smaltimento dei rifiuti e delle sostanze tossiche, inquinamento, sfruttamento delle risorse, surriscaldamento globale, scioglimento dei ghiacciai e quant’altro. Si parla molto, si discute, si prendono provvedimenti, si trasmettono video e immagini inquietanti sugli effetti devastanti di una politica ambientale errata o dello smaltimento selvaggio dei rifiuti.  Ma parlare non basta. Bisogna rimboccarsi le maniche perché c’è tanto da fare e le iniziative per risolvere gli svariati problemi non sono sufficienti. Si deve combattere contro l’ignoranza, contro gli interessi, contro la cattiva informazione e soprattutto contro l’indifferenza.

 

Il futuro dell’ambiente è nelle mani delle nuove generazioni e chi più della scuola può svolgere una determinante e incisiva funzione di formazione e informazione? I giovani devono crescere assimilando e facendo proprie abitudini e conoscenze basilari con l’assunzione di comportamenti che rispettino l’ambiente e lo migliorino, diventandone paladini, educatori, difensori e portavoce.

Sono anni che l’I.C. Nevio di Napoli, diretto dalla illuminata dirigente Maria Loreta Chieffo, è attento e vigile a queste problematiche. La progettazione dell’Istituto dai tempi più remoti dà ampio spazio all’ambiente e all’ecologia e promuove progetti ad hoc che coinvolgono tutti gli alunni e che mirano ad aprire loro la mente, li orientano all’osservazione e al rispetto: dalle attività quotidiane più semplici alla realizzazione di prodotti interessanti, di qualità e creativi.

 

Da tempo i ragazzi sono guidati alla messa in atto della raccolta differenziata. Spesso loro, abilmente guidati dai loro docenti, con materiale da riciclo hanno costruito contenitori per la carta, per la plastica ed altri materiali. Hanno adottato le scale limitrofe alla scuola, molto frequentate da loro e che uniscono due importanti strade cittadine. Le curano, le puliscono, le abbelliscono con piante e ornamenti, le rendono accoglienti, senza mai farsi scoraggiare da chi continua a vanificare il loro lavoro a causa dell’ignoranza nociva e dell’indifferenza.

 
 

 

Si prendono cura del terreno che circonda i plessi scolastici, un tempo incolto e ricettacolo di rifiuti di ogni tipo, dedicandosi con le attrezzature adatte al giardinaggio e alla coltivazione di prodotti ortofrutticoli, zafferano compreso. Gli splendidi manufatti che da anni realizzano ed espongono alle mostre natalizie, sono il risultato dell’assemblaggio e della trasformazione di materiali riciclati e raccolti in diversi luoghi del territorio circostante, dalle strade e marciapiedi alle spiagge e alle campagne vicine. Una scuola che ha fatto di questo tipo di operato un modus vivendi non poteva non abbracciare il progetto “Plastic free” promosso dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Comune di Napoli, aderendo alla campagna di sensibilizzazione di Marevivo STOPSINGLEUSEPLASTIC.

 

Con orgoglio ed entusiasmo la Dirigente ha sposato questa importante iniziativa a cui ha risposto con entusiasmo tutto il personale dell’I.C., gli alunni e le loro famiglie. Così l’Istituto Nevio è uno dei quattro di Napoli ad aderire ad esso, tenendo conto che in una città come Napoli le scuole sono centinaia. Nell’I.C. da quest’anno scolastico non potrà più circolare la plastica né si potrà più utilizzare: via quindi bottigline, bicchieri, piatti, sacchetti, cannucce, palloncini, chewing gum e tutto ciò che è costituito da questo materiale che sta soffocando e assassinando il pianeta. I ragazzi avranno in dotazione borracce termiche in alluminio e potranno approvvigionarsi di acqua bevendo o riempendole dai diversi beverini installati all’interno dell’Istituto che dispensano acqua pulita e fresca.

 

Naturalmente anche i diversi progetti scolastici rispecchieranno questa causa: attività teatrali, laboratori di arte, di ceramica, di musica, di scienze, di lingua straniera, di scrittura creativa, e non mancheranno iniziative di sensibilizzazione e promozione sull’argomento. Si faranno inoltre ricerche e studi sui mari e gli oceani, riflettendo sulla pericolosità dell’ingente quantità di plastica che li contamina e inquina e che sta causando danno alla flora e alla fauna marina, con la morte di pesci tra cui delfini, balene capodogli, col rischio di estinzione di esemplari e compromissione della catena alimentare.

 

A tal proposito si programmeranno visite guidate a tema e alcune mete saranno le spiagge da pulire, eliminando plastiche, lattine, cotton fioc e mozziconi di sigarette, abbracciando così anche l’iniziativa a cui molti lidi fortunatamente stanno aderendo di smoke free. L’I.C. è dunque un Istituto che ha a cuore l’ambiente e il suo futuro e incarna la speranza che Plastic free e tutte le iniziative ad essa legate possano diventare virali nel mondo scolastico e nella società.

 

DANIELA VELLANI