Incontri

 
     
ROMA, PRIMO POSTO TRA I BOOKS FOR PEACE 2018 PER LA SCRITTRICE PUGLIESE ANTONELLA TAMIANO

ROMA, PRIMO POSTO TRA I BOOKS FOR PEACE 2018 PER LA SCRITTRICE PUGLIESE ANTONELLA TAMIANO

set 21 2018

di MICHELE BRUCCHERI – L’INTERVISTA. “Come frammenti di stelle”, nella sezione romanzo edito, vince. Madrina d’eccezione Gessica Notaro, la giovane sfregiata con l’acido dal fidanzato    

 

 
 Antonella Tamiano e Gessica Notaro

Antonella Tamiano, scrittrice pugliese del Salento, con il libro “Come frammenti di stelle” ottiene il podio alto tra i Books for Peace 2018 a Roma. Si classifica prima nella sezione romanzo edito con il tema “pace interiore”. Un riconoscimento importante, prestigioso e pregevole. Sabato scorso, infatti, ha ritirato il premio nella capitale e al nostro sito web consegna tutta la sua enorme soddisfazione per il brillante risultato.

 

Una giuria autorevole e qualificata ha valutato numerosi lavori e l’opera di Antonella Tamiano è stata riconosciuta di notevole valore. Madrina d’eccezione dell’evento culturale è stata Gessica Notaro, la 28enne di Rimini sfregiata con l’acido dal fidanzato. Scrittrice, poetessa e pittrice, da qualche anno promuove le sue “creature” letterarie ed artistiche, mietendo successo di pubblico e di critica. Laurea in Conservazione dei Beni Culturali Artistici, mostra una grande sensibilità poetica e pittorica.

                

“Amo molto quello che faccio e ogni volta ad ogni evento provo una gioia immensa - afferma la tenace e brava autrice pugliese -. Promuovere il proprio lavoro è molto spesso difficile, la concorrenza è tanta e purtroppo delle volte la solidarietà è poca. Ciò nonostante vado sempre avanti”. Infine, dal nostro giornale online La Voce del Nisseno dà una notizia importante: “Parteciperò alla Giornata Mondiale della Poesia giorno 29 settembre, presso la prestigiosa Cappella Orsini, a Roma. È situata dietro Campo de' Fiori, in pieno centro storico. Sono risultata finalista insieme ad altri autori. Dopo aver visionato le poesie di oltre 1398 candidati, sono state scelte le migliori, esattamente 134, le quali sono state inserite nell'antologia. Declamerò i miei versi durante l'evento in diretta. La giuria sceglierà i primi cinque classificati e i numerosi premi speciali”.

 

Pochi giorni fa, a Roma, sei stata premiata per il libro “Come frammenti di stelle”. Un primo posto prestigioso ed importante. Ce ne parli?

Sabato scorso, nella suggestiva Biblioteca di Palazzo Cardinal Cesi a Roma in via della Conciliazione 51, davanti a Piazza San Pietro in pieno centro della capitale, si è tenuta la Premiazione 2018 dei Premi Javier Valdez al giornalismo d’inchiesta, alla letteratura sportiva e del II° concorso letterario “Books for Peace”. Un premio nato per l’esigenza di sostenere la cultura su determinate tematiche sociali che affliggono il nostro momento storico. Premio letterario volto alla riflessione su tematiche quali la nonviolenza, la solidarietà, l’attenzione ai più deboli, alla Pace attraverso la cultura.

In quanti siete stati premiati, Antonella?

Nel corso dell’iniziativa sono stati premiati 14 libri di autori provenienti da tutta Italia che vertono su argomenti sociali inerenti la pace e la convivenza civile e che in particolare puntano i riflettori su bullismo, razzismo, identità di genere, interreligiosità, libertà di espressione. Vi è solo un primo posto per ogni tematica. Tra i Books for Peace 2018, il mio libro “Come frammenti di stelle” si è classificato primo nella sezione romanzo edito con il tema: pace interiore.

 
 Michele Bruccheri e Antonella Tamiano in Puglia

Da chi è stato organizzato?

È organizzato da importanti associazioni internazionali: la FUNVIC (Fundacao Universitaria Vida Crista – Brasil – membro UNESCO Bfuca – Wfuca), l’Associazione Nazionale Giudici di Pace, l’International Academie Diplomatique Pax et Salus (IADPES), l’ANASPOL (Associazione Nazionale Agenti Sottufficiali Polizie Locali), il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizie Locali) e la Cambridge International Virtual University of Malta…

Prosegui.

Il ‘Books for Peace 2018’, con il Patrocinio dell’Università Unitelma Sapienza Campus Città del Sapere Polo di Napoli e della Società dei Salvatoriani, è stato pubblicato sui maggiori siti del settore.

A chi è rivolto?

Il concorso è rivolto a tutti gli autori italiani e stranieri residenti in Italia, senza limiti d’età. Gli autori possono partecipare con opere edite negli anni 2017 – 2018 in possesso di ISBN, scritte in lingua italiana. Eccetto le opere ricomprese nella Sezione Speciale. Sono ammesse anche opere che abbiano partecipato ad altri concorsi.

Quali sono le sezioni?

Il Premio si articola nelle seguenti Sezioni: SEZIONE FANTASY;  SEZIONE SAGGISTICA;  SEZIONE ROMANZI;  SEZIONE POESIE; SEZIONE SPECIALE: FOTOGRAFICA; ARTE PITTORICA. Ogni Sezione è poi suddivisa nei seguenti Argomenti: Razziale;  Religioso; Violenza di genere (sulle donne, omofobia; domestica, stalking,…); Bullismo (Cyber-bullismo). Sono circa un centinaio i libri arrivati, quest’anno al concorso sia in formato cartaceo e/o ebook. La giuria ha svolto un lavoro molto difficile nell’esaminare le opere.

Da chi era composta la giuria?

Era composta da personaggi di rilievo come: Dott. Paolo Di Giannantonio, Presidente; Prof. Antonio Imeneo, Vice Presidente; Dott. Alessandro Marchetti, coordinatore premiazioni;
Dott.ssa Cecilia Leo, Dott.ssa Rita Cavallaro, Avv. Antonino Di Renzo Mannino, Dott. Enzo Palladini.
Per la Giuria giovani: Simone Marchetti (classe 2001) e Alice Imeneo (classe 2003).

So che madrina d’eccezione dell’evento è stata Gessica Notaro. Hai arricchito il tuo bagaglio emozionale. Cosa ti sei portata dal concorso letterario “Books for Peace”?

Madrina d’eccezione dell’evento Gessica Notaro, la 28enne di Rimini sfregiata con l’acido dal fidanzato, è stata premiata come Messaggero di Pace  FUNVIC Europa: “Ha avuto il coraggio di ricominciare e con la sua storia potrà dare la forza alle donne vittime di violenza”.

So che vi erano numerosi personaggi noti. Soprattutto firme del giornalismo nazionale. Che vi hanno consegnato i premi. È così?  

A consegnare i premi importanti firme del giornalismo nazionale: Cecilia Leo (di Tagada-La7), Rita Cavallaro (del Settimanale Giallo) e Beatrice Nencha (di Libero) per la Giuria e i neo vincitori del Valdez: Emilio Orlando di Repubblica (con il libro “Buoni” Assassini – Genesi di un delitto – Il Caso Varani), Raffaella Fanelli (con il libro “La verità del Freddo”), Laura Tangherlini di RaiNews (con il libro “Matrimonio Siriano”), Antonella Palmieri di Agorà RaiTre per il Servizio giornalistico Tv “Ma quale accoglienza?” in onda su Agorà Estate Rai Tre.

Chi erano gli ospiti d’onore?

Ospiti d’onore: il Prefetto Francesco Tagliente, la Maestra di cucina internazionale Sara Papa ed il Prof. Francesco Langella, Responsabile della Formazione dell’Università pontificia salesiana.

È stata anche premiata una canzone: quale e di chi?  

Premiata inoltre la canzone Soldiers of Afterlife di NeroArgento, per il testo sulla libertà di espressione.

 

Vi sono state pure altre premiazioni. Ce ne riferisci qualcuna?

Premiata per l’editoria Monica Macchioni con la sua casa editrice Male Edizioni e per la letteratura Sportiva “Lo Sport per l’inclusione”: Marco Piccari, di Radiomontecarlo, con il libro “In viaggio con la tribù del calcio”;  Nando Orsi, Susanna Marcellini di Radio Radio, Gabriele Orsi con il libro “A mani nude”; Fabrizio Pellegrini con “Una vita fuori. Racconti di un buttafuori”; Giovanni Esposito del CONI con “La responsabilità sociale delle organizzazioni sportive. Condividere valori per creare valore” e Daniele Poto giornalista già nella Redazione di TuttoSport con “Pelè, la perla nera”. La Prof. Marilena Ferraro, giornalista e direttore di Sfera Magazine con il libro ‘Orzo’, scritto insieme ad Angelo Perfetti, giornalista e direttore de Il Faro online.

E poi?

Questi tutti gli altri libri premiati del Books for Peace 2018, ognuno per una specifica sezione ed argomento: ‘Soli nella notte dell’anima’ scritto dal Vice Questore Nunzia Alessandra Schillirò, ‘Il delitto di atti persecutori’ scritto dal sottufficiale dei Carabinieri Domingo Magliocca, ‘Violenza sulle donne’ Cap. XIV, scritto dall’Ufficiale della Polizia Locale di Roma Alessandro Procopio. ‘La Shoah e il Giorno della Memoria’ di Lia Tagliacozzo. ‘Guerra bambina’ di Simona Novacco. Quello che le donne non dicono di Arsenio Siani. ‘L’abbraccio di un giorno felice’ di Messiana Carboni. ‘L’ ultimo dei salvati’ di Francesco Greco. ‘Rosso sangue’ di Maria Teresa Infante, e per l’arte pittorica Giada Ottone con il quadro “La Notifica”.

C’è da aggiungere ancora qualcosa, dopo questo esaustivo resoconto?

“Bullismo, Violenza di genere, sulle donne, razzismo, come anche i tentativi di impedire la libertà di espressione, per difendere la quale vengono uccisi o arrestati decine di giornalisti nel mondo” hanno dichiarato Alessandro Marchetti, Presidente dell’Anaspol e Antonio Imeneo, Presidente Funvic Europa. E le associazioni organizzatrici: “Possono essere sconfitte solo attraverso la cultura, eliminando le preconcettualità che le determinano”. Mi premeva riferire questo.

La Cultura gioca un ruolo importante e strategico per le nostre menti e le nostre coscienze. Quale insegnamento ti porti dalla recente esperienza romana?

Ho avuto un’esperienza singolare e mi sento arricchita molto, sicuramente ancora più vicina a problemi sociali affrontati durante la serata di premiazione.

 

So che tenacemente promuovi le tue opere letterarie. Qual è il bilancio, ad oggi, del tuo impegno culturale?

Amo molto quello che faccio e ogni volta ad ogni evento provo una gioia immensa. Promuovere il proprio lavoro è molto spesso difficile, la concorrenza è tanta e purtroppo delle volte la solidarietà è poca. Ciò nonostante vado sempre avanti.

 

So che hai diversi progetti. Cosa puoi anticiparci? 

Per il momento posso solo dire che parteciperò alla Giornata Mondiale della Poesia giorno 29 settembre dalle ore 15.30, presso la prestigiosa Cappella Orsini, sita in via di Grotta Pinta 21, a Roma. È situata dietro Campo de' Fiori, in pieno centro storico. Sono risultata finalista insieme ad altri autori. Dopo aver visionato le poesie di oltre 1398 candidati, sono state scelte le migliori, esattamente 134, le quali sono state inserite nell'antologia. Declamerò i miei versi durante l'evento in diretta. La giuria sceglierà i primi cinque classificati e i numerosi premi speciali.

 

MICHELE BRUCCHERI